SPORTELLO
FISCALE
FIP
Notizie

Credito d'imposta su investimenti pubblicitari 2021, l'elenco dei richiedenti

È stato pubblicato sul sito del Dipartimento per l’informazione e l’editoria (informazioneeditoria.gov.it), l'Elenco dei soggetti richiedenti il credito di imposta sugli investimenti pubblicitari - di cui all'articolo 57-bis DL 50/2017 - trasmesso al Dipartimento dall’Agenzia delle Entrate. L’elenco comprende tutti i soggetti che hanno validamente presentato la comunicazione telematica per l’accesso al credito di imposta per l’anno 2021 (c.d. prenotazione). L’attuale elenco riporta l’importo del “CREDITO TEORICAMENTE FRUIBILE” per i soli soggetti che hanno presentato la “comunicazione per l’accesso” unicamente per gli INVESTIMENTI PUBBLICITARI SUI GIORNALI, in quanto non è stato ancora possibile definire lo stanziamento da destinare all’agevolazione relativamente alle emittenti radiotelevisive. Al riguardo, si ricorda che l’articolo 1, comma 608, Legge 178/2020 (legge di bilancio 2021), ha stabilito uno stanziamento, per i soli investimenti pubblicitari sui giornali, pari a 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, mantenendo per questi la più favorevole disciplina derogatoria introdotta nell’anno 2020 (sostanzialmente credito calcolato sull’intero investimento pubblicitario, anziché sull’incremento), ma non anche per gli investimenti sulle radio e televisioni. Per queste ultime risulta, al momento, vigente la ordinaria disciplina pre-covid. Ovviamente, per quanto detto, gli importi di “credito teoricamente fruibile” indicati nell’elenco in questione subiranno inevitabilmente variazioni a seguito della definizione delle risorse destinate agli investimenti pubblicitari sulle emittenti radiotelevisive. Solo dopo la definizione dell’ammontare complessivo dello stanziamento, infatti, sarà possibile determinare gli importi definitivi del credito di imposta “teoricamente fruibile” e la percentuale provvisoria di riparto nel rispetto della disciplina degli aiuti de minimis. L’elenco dei richiedenti con l’indicazione degli importi definitivi del credito di imposta “teoricamente fruibile” sarà quindi pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento per l’informazione e l’editoria. Resta fermo che, per poter accedere all’agevolazione, tutti i soggetti che hanno già inviato la “comunicazione per l’accesso al credito di imposta” per l’anno 2021, dovranno in ogni caso inviare telematicamente, nel periodo dal 1° al 31 gennaio 2022, la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”. Tale attestazione, concernente i soli “investimenti effettivamente realizzati” nel corso dell’anno 2021, andrà trasmessa tramite l’apposita piattaforma resa disponibile nell’area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate.

Notizie

Pubblicato l'elenco provvisorio delle nuove ASD iscritte al 5 per mille

Pubblicato sul sito CONI l’elenco delle ASD che hanno presentato entro il 12 aprile la domanda di iscrizione per accedere alla ripartizione del 5‰ dell’Irpef relativo all’esercizio finanziario 2021 (anno di imposta 2020) Si tratta delle associazioni sportive dilettantistiche che hanno chiesto per la prima volta di entrare a far parte dei potenziali beneficiari dello speciale contributo assegnato direttamente dai contribuenti e, quindi, non ancora presenti negli elenchi permanenti del 5 per mille. Nell’elenco è riportata per ciascuna ASD l’indicazione del codice fiscale, la denominazione e della sede legale che risulta nell’Anagrafe Tributaria. Le correzioni di eventuali errori rilevati nell’elenco possono essere richieste, non oltre il 30 aprile, dal legale rappresentante del soggetto richiedente, ovvero da un suo incaricato munito di formale delega, all’Ufficio del CONI territorialmente competente. L’elenco aggiornato dei soggetti iscritti, depurato degli errori segnalati, sarà pubblicato dal CONI sul sito www.coni.it, entro il 10 maggio. ISCRIZIONE TARDIVA Si ricorda che le ASD che non hanno effettuato tempestivamente l’iscrizione al contributo entro il termine ordinario (12 aprile 2021), possono comunque partecipare al riparto delle quote del 5 per mille 2021 purché presentino l’istanza di accreditamento al 5 per mille entro il 30 settembre versando un importo pari a 250 euro, tramite modello F24 ELIDE – codice tributo 8115. I requisiti sostanziali richiesti per l’accesso al beneficio devono essere comunque posseduti alla data della scadenza originaria della presentazione dell’istanza di accreditamento.

Notizie

Indennità collaboratori sportivi 2021, riapertura termini per la conferma fino al 27 aprile

Sport e Salute S.p.A. ha provveduto, ad erogare, in via automatica, l’indennità per il mese di gennaio, febbraio, marzo 2021 a oltre 150.000 collaboratori sportivi già beneficiari dell’indennità per i mesi precedenti che hanno confermato il possesso dei requisiti nel termine previsto del 7 aprile. Per coloro che non hanno rispettato questo termine, Sport e Salute comunica che “condividendo la richiesta della Sottosegretaria Valentina Vezzali, per venire incontro alle esigenze di tutti i possibili beneficiari, e non lasciare indietro nessuno, si è ritenuto di offrire un’ultima possibilità di confermare, o meno, i requisiti per il mese di gennaio, febbraio e marzo 2021 a tutti quei richiedenti che, per i più disparati motivi, non sono riusciti a rinunciare oppure a confermare di avere i requisiti o a rinunciare". Sport e Salute procederà, pertanto, ad inviare loro una nuova mail all’indirizzo inserito in piattaforma informatica; la mail conterrà una procedura guidata che consentirà di cliccare su un link personalizzato e, quindi, confermare la permanenza dei requisiti richiesti dalla legge oppure di rinunciare all'indennità. In caso di mancata risposta entro le ore 24.00 del 27 aprile 2021, non sarà più possibile effettuare l’erogazione automatica. Questa possibilità di ricevere in via automatica l’indennità è riservata esclusivamente a quei soggetti che avevano già beneficiato di almeno un’indennità nel corso del 2020 – secondo i requisiti previsti dall’art. 10 co. 10 e seguenti del d.l. n.41/2021 – e che non avevano risposto alla prima mail o non avevano effettuato l’accesso alla piattaforma entro il termine del 7 aprile scorso. Sono pertanto esclusi tutti coloro che: • hanno già ricevuto il bonus per gennaio, febbraio e marzo 2021, • hanno rinunciato al bonus • pur avendo percepito bonus nel 2020 hanno ancora una posizione sospesa per incoerenza con i dati presenti nei registri INPS. Si ricorda che l’importo del bonus per i collaboratori sportivi è stato ripartito secondo tre fasce: • 3.600 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10mila euro annui • 2.400 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura tra 4mila e 10mila euro annui • 1.200 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ai 4mila euro annui. Per determinare l'ammontare dell'indennità Sport e Salute ha utilizzato i dati dichiarati dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nell’apposita piattaforma informatica. La compilazione del campo per la dichiarazione dell'ammontare dei compensi sportivi dell'anno 2019 era obbligatoria ed è stata pertanto effettuata personalmente da tutti i beneficiari. Per quanti non dovessero ricordare l’ammontare dei compensi sportivi 2019 inseriti al momento della presentazione della domanda, è possibile accedere alla piattaforma con le modalità conosciute e, una volta in home page, cliccare, in alto a sinistra, sul campo “stampa domanda”. Si consiglia, prima di confermare o rinunciare, di leggere con attenzione le FAQ specificamente dedicate alla procedura di erogazione automatica sul sito sportesalute.eu:  FAQ per l'erogazione automatica di gennaio, febbraio e marzo 2021 Per ricevere informazioni sono attivi esclusivamente il numero dedicato 06.32722020 e la casella e-mail collaboratorisportivi@sportesalute.eu.

Notizie

Sport e Salute, al via il pagamento delle indennità ai collaboratori sportivi

Lo ha comunicato la società Sport e Salute, che dopo aver ricevuto ieri mattina le risorse dal Governo, ieri sera ha completato il pagamento delle indennità di gennaio, febbraio, marzo 2021 ai Collaboratori Sportivi. Il bonus è già stato bonificato sui conti correnti dei 150 mila aventi diritto per un totale di circa 261 milioni, erogati in un solo giorno. L’importo del bonus per i collaboratori sportivi è stato ripartito secondo tre fasce: • 3.600 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10mila euro annui • 2.400 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura tra 4mila e 10mila euro annui • 1.200 ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ai 4mila euro annui. Sport e Salute ha, inoltre, chiarito che “per determinare l'ammontare dell'indennità ha utilizzato i dati dichiarati dai beneficiari al momento della presentazione della domanda nella piattaforma informatica prevista dall’articolo 5 del decreto del 6 aprile 2020 del Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro per le politiche giovanili e lo sport. La compilazione del campo per la dichiarazione dell'ammontare dei compensi sportivi dell'anno 2019 era obbligatoria (ed è stata pertanto effettuata personalmente da tutti i beneficiari.”

Ricerca tra le news

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.
Visualizza la Cookie Policy Approva