Notizie Fiscali
05/01/2022 Leggi di Bilancio 2022. Le principali novità per il Settore Sport
Nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 310 del 31.12.2021, Suppl. Ordinario n. 49 – è stata pubblicata la Legge di Bilancio 2022 (Legge n. 234 del 30 dicembre 2021).

Si evidenzia che l’art. 1 della Legge in questione si compone di ben 1013 commi, di questi si riporta l'elenco-sommario e poi a seguire le disposizioni che interessano il mondo dello sport (ogni comma può essere raggiunto dinamincamente facendo click nel sommario)

Apprendistato professionalizzante per i lavoratori sportivi - Comma 154
Per i lavoratori sportivi, è ammessa la stipula con società (o associazioni) sportive professionistiche di contratti di apprendistato professionalizzante a condizione che la decorrenza iniziale del rapporto di apprendistato professionalizzante abbia luogo entro il giorno precedente il compimento, da parte dell'atleta, dei 24 anni (anziché entro il giorno precedente il compimento dei 30 anni previsto dalla disciplina generale dell'apprendistato professionalizzante).

Agevolazioni alle Federazioni Sportive Nazionali – Commi 185, 186, 187
Al fine di favorire il diritto allo svolgimento dell’attività sportiva, in via sperimentale per gli anni 2022, 2023 e 2024, per le Federazioni Sportive Nazionali riconosciute dal CONI, gli utili derivanti dall’esercizio di attività commerciale non concorrono a formare il reddito imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle società (IRES) e il valore della produzione netta ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP), a condizione che in ciascun anno le Federazioni Sportive destinino almeno il 20% degli stessi utili allo sviluppo diretto o per il tramite dei soggetti componenti delle medesime Federazioni, delle infrastrutture sportive, dei settori giovanili e della pratica sportiva dei soggetti con disabilità.
I costi effettivamente sostenuti sono rendicontati dalle Federazioni Sportive Nazionali e certificati dagli organi di controllo interno delle stesse o dalle società di revisione da queste incaricate per la certificazione dei bilanci, entro il 3°anno successivo a quello di riferimento.
Le misure sono condizionate all’autorizzazione della Commissione europea.

Sostegno alla pratica dello sport nelle università - Comma 188
Per sostenere le attività sportive universitarie e la gestione delle strutture e degli impianti per la pratica dello sport nelle università, la dotazione finanziaria per la pratica dello sport nelle università è integrata di 2 milioni di euro per l’anno 2022 e 3 milioni di euro per l’anno 2023

Fondo a sostegno contributi previdenziali per l’anno 2023 - Comma 189
Viene stanziato anche per l’anno 2023 un contributo di 50 milioni di euro da destinare al fondo istituito presso il MEF con dotazione iniziale di 50 milioni di euro per il 2021 e 2022 ai sensi del comma 34 dell’art. 1 della Legge n. 178 del 2020. Il Fondo in parola è destinato a finanziare l’esonero anche parziale del versamento dei contributi previdenziali a carico delle FSN, delle Discipline Associate, degli EPS e delle SSD e ASD, relativamente ai rapporti di lavoro sportivo instaurato con atleti, allenatori, direttori tecnici e direttori sportivi, preparatori atletici e direttori di gara.

Sport Bonus - Comma 190
Viene confermata per il 2022 la disciplina del credito d’imposta del 65% per le erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche, di cui all’articolo 1, commi da 621 a 627, della legge 30 dicembre 2018 n. 145. Il credito d’imposta in questione riguarda esclusivamente i soggetti titolari di reddito d’impresa diversamente dalla previgente disciplina che lo riconosceva anche in favore di persone fisiche ed enti non commerciali.

Insegnamento educazione motoria nella scuola primaria - Commi 329-347
Vengono stabiliti i tempi, le modalità e le risorse per introdurre l’insegnamento dell’educazione motoria nelle classi quarte e quinte della scuola primaria, con l’inserimento di docenti forniti di idoneo titolo di studio (laurea in scienze motorie o titolo equipollente).

Contributo ai Comuni per investimenti in impiantistica - Commi 534-542
Viene previsto un contributo di 300 milioni di euro per investimenti in impiantistica anche sportiva per i comuni con meno di 15.000 abitanti che, in forma associata, presentano una popolazione superiore a 15.000 abitanti, nel limite massimo di 5.000.000 di euro.

Fondo permanente per il contrasto del fenomeno del cyberbullismo - Commi 671-673
Ai fini della prevenzione e del contrasto del fenomeno del cyberbullismo con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, è istituito, presso il Ministero dell’istruzione, il fondo permanente per il contrasto del fenomeno del cyberbullismo. Il fondo ha una dotazione di 2 milioni di euro per l’anno 2022.
Al fondo in questione possono accedere le Associazioni Sportive Dilettantistiche (le SSD non vengono invece nominate)

Proroga disposizioni di modifica della disciplina Iva Terzo settore - Comma 683
Viene prorogata al 1° gennaio 2024 l’entrata in vigore delle disposizioni recate dall’art. 5, cc. da 5-quater a 15-sexies D.L. 146/2021.
Tali disposizioni prevedono per gli enti, ivi incluse le associazioni sportive dilettantistiche, che offrono beni e servizi ai propri soci a fronte del pagamento di corrispettivi specifici, aggiuntivi rispetto alle quote associative, l'osservanza degli obblighi Iva.
In sostanza la nuova normativa mira a ricomprendere tra le operazioni effettuate nell'esercizio di impresa, e più in generale tra quelle aventi natura commerciale, una serie di operazioni attualmente “escluse” dal campo Iva e che, a far data dal 01.01.2024, diventeranno, nella maggior parte dei casi, “esenti” Iva.

Sospensione versamenti fiscali e previdenziali - Commi 923–924
Al fine di sostenere le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva e le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato e operano nell’ambito di competizioni sportive in corso di svolgimento, ai sensi del DPCM 24 ottobre 2020, sono sospesi:
a) i termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d’imposta, dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2022;
b) i termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2022;
c) i termini dei versamenti relativi all’IVA in scadenza nei mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile 2022;
d) i termini relativi ai versamenti delle imposte sui redditi in scadenza dal 10 gennaio 2022 al 30 aprile 2022.
Gli eventuali versamenti sospesi devono essere eseguiti, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 30 maggio 2022 o mediante rateizzazione fino a un massimo di sette rate mensili di pari importo, pari al 50% del totale dovuto, e l’ultima rata di dicembre 2022 pari al valore residuo. Il versamento della prima rata deve avvenire entro il 30 maggio 2022, senza interessi. I versamenti relativi al mese di dicembre 2022 devono essere invece effettuati entro il giorno 16 di detto mese.
Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

Misure fiscali in favore degli Enti sportivi dell’Alto Adige - Comma 1006.
Vengono ricompresi tra i redditi diversi elencati alla lettera m), comma 1 dell’articolo 67 del Tuir, (cd compensi corrisposti agli sportivi dilettanti) i compensi e le altre somme erogate, nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche, da due enti operanti prevalentemente nella provincia autonoma di Bolzano: la VSS (Verband der Südtiroler Sportvereine – Federazione delle associazioni sportive della provincia autonoma di Bolzano) e l’USSA (Unione delle società sportive altoatesine).