24/11/2022 - Notizie Fiscali

DICHIARAZIONE AIUTI DI STATO COVID-19. DA INVIARE ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2022

Nell'allegato l'articolo
17/11/2022 - Notizie Fiscali

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A RISTORO DI SPESE SANITARIE E DI SANIFICAZIONE SOSTENUTE TRA IL 01.02.2020 E IL 31.03.2022

In data 7 novembre 2022, il Dipartimento dello Sport ha pubblicato il DPCM 3 ottobre 2022 relativo alle modalità e ai termini di presentazione delle richieste di erogazione del contributo a fondo perduto a ristoro delle spese sanitarie, di sanificazione e prevenzione e per l'effettuazione di test di diagnosi dell'infezione da COVID-19, in favore delle società sportive professionistiche, delle società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche, istituito presso il Dipartimento per lo sport ai sensi del d.lgs. 39/2021. Dalla data di pubblicazione decorre il termine di 30 giorni per la presentazione delle istanze. Entro il suddetto termine, pertanto, i potenziali beneficiari del contributo dovranno presentare le domande agli organismi sportivi affilianti (Federazioni o Leghe per le società sportive professionistiche, Federazioni, Enti di promozione sportiva o Discipline Sportive per ASD e SSD). Si evidenzia che la FIP ha già fornito alle proprie affiliate indicazioni in merito alla modalità di presentazione della domanda che andrà trasmessa in via telematica alla Federazione stessa al seguente indirizzo di posta elettronica: <a href="mailto:"ristorospesesanitarie@fip.it">ristorospesesanitarie@fip.it</>. Successivamente, entro 15 giorni dalla data di presentazione della richiesta, gli organismi affilianti dovranno presentare al Dipartimento per lo sport il prospetto delle domande pervenute e istruite positivamente, mediante una apposita procedura semplificata. Si rammenta che anche i soggetti già beneficiari del contributo ai sensi del DPCM 16 settembre 2021 dovranno presentare una nuova istanza.
20/10/2022 - Notizie Fiscali

DICHIARAZIONI SOSTITUTI D'IMPOSTA CU E 770 2022. INVIO ENTRO IL 31 OTTOBRE 2022

PREMESSA Le Associazioni e le Società Sportive Dilettantistiche, che nel corso dell’anno 2021 hanno erogato compensi a sportivi dilettanti entro la soglia di euro 10.000, hanno ancora tempo fino al 31.10.2022 per inviare all’Agenzia delle Entrate le relative Certificazioni Uniche. Ove, invece, i suddetti enti sportivi avessero erogato compensi a sportivi dilettanti oltre la soglia di euro 10.000, quindi con obbligo di ritenuta Irpef e relative addizionali, il termine per l’invio delle Certificazioni Uniche è ormai scaduto in data 16.03.2022 Gli stessi enti, entro il termine del 31.10.2022, dovranno inviare il modello 770 all’Agenzia delle Entrate per dichiarare le ritenute operate e i relativi versamenti eseguiti. LA DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D’IMPOSTA La dichiarazione dei sostituti d’imposta si compone di due parti in relazione ai dati in ciascuna di esse richiesti, la Certificazione Unica (CU) e il Modello 770. LA CERTIFICAZIONE UNICA La CU deve essere utilizzata dai sostituti d’imposta, comprese le ASD e SSD, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati relativi ai compensi erogati e alle ritenute operate nell’anno 2021. Detto modello contiene, tra l’altro, i dati relativi alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui sono stati corrisposti in tale anno redditi di lavoro autonomo e redditi diversi, compresi i compensi erogati agli sportivi dilettanti ex art. 67, comma 1, lett. m), del TUIR e le eventuali ritenute. La certificazione Unica assume “valenza dichiarativa” e i dati trasmessi con le certificazioni uniche, in assenza di ritenute, non devono quindi più essere riportati nel modello 770. La trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate deve essere effettuata entro il 16 marzo oppure entro il termine per l’invio della dichiarazione 770 (02.11.2022) in caso di certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione dei redditi precompilata (modello 730 o Redditi 2022). IL MODELLO 770 Il Modello 770 deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, comprese le ASD e SSD, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2021, i relativi versamenti e le eventuali compensazioni effettuate. La trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate deve essere effettuata entro il 31 ottobre 2022. Sono ovviamente tenute alla compilazione e alla trasmissione del modello 770 le sole ASD e SSD che abbiano operato delle ritenute sui redditi corrisposti nel corso del 2021. Pertanto, le ASD e SSD, che abbiano ESCLUSIVAMENTE erogato compensi a sportivi dilettanti entro la soglia di euro 10.000, non saranno tenute ad inviare il modello 770 in questione, a meno che non abbiano corrisposto compensi a percipienti esteri privi di codice fiscale. Nel caso in cui, invece, i sostituti abbiano corrisposto compensi sportivi dilettantistici oltre il limite di 10.000 euro oppure effettuato altri pagamenti soggetti a ritenuta alla fonte (ad esempio, compensi a professionisti avvocati, geometri, commercialisti, ecc.), oltre all’invio della Certificazione Unica, dovranno trasmettere il modello 770 2022. Composizione del modello 770 2022 Il modello dichiarativo si compone di un frontespizio e di diversi “quadri” riportanti i dati di specifici tributi e/o crediti con i relativi versamenti e date. I quadri del modello 770 rilevanti per le Asd e Ssd sono: • quadro ST, relativo ai versamenti delle ritenute, dell’addizionale regionale IRPEF, delle imposte sostitutive e delle trattenute per assistenza fiscale; • quadro SV, relativo ai versamenti dell’addizionale comunale IRPEF; • quadro SX, contenente il riepilogo dei crediti e delle compensazioni; • SY, relativo alle somme corrisposte ai percipienti esteri privi di codice fiscale. È possibile effettuare l’invio dei dati in più flussi direttamente da parte del sostituto d’imposta, per questo motivo sono stati introdotti nel frontespizio nuovi campi per identificare la tipologia di trasmissione effettuata e l’eventuale ricorso a un intermediario. Si ricorda che l’esposizione dei dati di versamento nei quadri ST e SV deve essere effettuata in forma aggregata. Pertanto, in presenza di più versamenti che presentino però identiche informazioni relativamente alla data di versamento, al codice tributo e al periodo di riferimento, nonché, per la Sezione II del quadro ST, al codice regione, sarà necessario sommare gli importi versati e compilare un unico rigo. Nel quadro SV, inoltre, andranno riportate su un unico rigo tutte le addizionali comunali versate nella stessa data e riferite allo stesso periodo, anche se relative a diversi comuni. Le istruzioni ministeriali precisano che, in presenza di versamenti aventi medesime caratteristiche ma codificati con note diverse, sarà tuttavia necessario compilare più righi, non potendosi in tal caso seguire il criterio dell’esposizione aggregata. Con riguardo al quadro SY, sezione IV, si evidenzia che lo stesso deve essere compilato nel caso in cui siano stati corrisposti compensi a soggetti privi del codice fiscale (è il caso ad esempio dei compensi, gettoni, premi o rimborsi pagati agli atleti dilettanti stranieri), per i quali non è prevista la trasmissione della certificazione unica. Il quadro SY deve essere compilato riportando per ciascun percipiente estero i dati anagrafici, la residenza estera e i dati fiscali Per la compilazione dei dati fiscali si rimanda alle istruzioni presenti nella Certificazione Unica 2022 (compilazione dei dati fiscali, previdenziali e assistenziali relativi alle certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi)
04/10/2022 - Notizie Fiscali

SPORT BONUS 2022. AL VIA LA SECONDA FINESTRA. SCADE IL 31 OTTOBRE 2022

PREMESSA Il Dipartimento dello Sport con avviso del 30 settembre 2022 ha comunicato l’apertura anticipata al 1° ottobre della seconda finestra 2022 per l’inoltro delle domande da parte delle imprese che vogliono usufruire del credito di imposta per le erogazioni liberali in denaro da effettuarsi in favore di impianti sportivi pubblici. La scadenza è fissata al 31 ottobre 2022. Con la nuova legge di bilancio (legge 30/12/2021, n. 234, art. 1, comma 190) è stata estesa anche per l’anno 2022 la possibilità di effettuare erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche, già prevista dalla legge di bilancio per l’anno 2019 all’art. 1 commi da 621 a 627. Dal 1° ottobre al 31 ottobre 2022 è possibile accedere alla seconda finestra temporale per presentare la domanda di ammissione al procedimento ed essere così autorizzati ad effettuare l’erogazione liberale. I soggetti che possono effettuare tali erogazioni sono esclusivamente le imprese, a cui è riconosciuto un credito di imposta pari al 65% dell’importo erogato da utilizzarsi in tre quote annuali di pari importo. Il limite all’importo erogabile posto dal legislatore alle imprese è pari al 10‰ (dieci per mille) dei ricavi 2021, mentre l’ammontare complessivo del credito di imposta riconosciuto a tutte le imprese non può eccedere 13,2 milioni di euro per l’anno in corso. La domanda deve essere inviata agli indirizzi ufficiosport@pec.governo.it e per conoscenza a sport@governo.it , tra il 1° ottobre ed il 31 ottobre 2022, indicando nell’oggetto “Sport Bonus 2^ finestra 2022 + la denominazione impresa + codice fiscale”. Attenzione: le domande pervenute all’Ufficio prima del 30 maggio non verranno prese in considerazione e, pertanto, dovranno essere riproposte necessariamente entro i termini citati. LA PROCEDURA DA SEGUIRE Attenzione: le date riportate potranno essere oggetto di variazioni in diminuzione in funzione del numero delle istanze pervenute al Dipartimento per lo sport. 1. Inviare la domanda agli indirizzi : ufficiosport@pec.governo.it e per conoscenza a sport@governo.it, tra il 1° ottobre ed il 31 ottobre 2022, indicando nell’oggetto “Sport Bonus 2^ finestra 2022 + la denominazione impresa + codice fiscale”; 2. Il Servizio Primo del Dipartimento invierà alla sola mail (NON PEC) del richiedente, indicata nel modello di richiesta, un numero di codice seriale identificativo ed univoco; 3. Entro il 15 novembre il Dipartimento pubblicherà sul proprio sito l’elenco delle imprese che potranno effettuare l’erogazione liberale in denaro. Verrà indicato nell’elenco solo il numero di codice seriale; 4. Nei dieci giorni successivi alla pubblicazione e non oltre il 25 novembre i soggetti indicati nell’elenco di cui al punto 3) potranno effettuare l’erogazione in denaro secondo le modalità di pagamento indicate nel modulo della domanda; 5. I soggetti destinatari delle erogazioni liberali entro dieci giorni dal ricevimento dell’erogazione e comunque non oltre il 5 dicembre dichiarano, con apposito modulo, di aver ricevuto l’erogazione in denaro, allegando la ricevuta bancaria del bonifico ricevuto; 6. Il Dipartimento per lo sport pubblica l’elenco dei beneficiari del credito di imposta individuabili con il numero di codice seriale. Si ricorda che per usufruire del credito d’imposta le erogazioni liberali in denaro devono essere effettuate avvalendosi esclusivamente di uno dei seguenti sistemi di pagamento: bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, carta di credito, carte prepagate, assegni bancari, assegni circolari.
28/09/2022 - Notizie Fiscali

5X1000: ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2022 LA REMISSIONE IN BONIS

Le Associazioni sportive dilettantistiche interessate a partecipare al riparto del 5 per mille che non hanno provveduto a presentare la domanda di iscrizione nell’elenco permanente dei soggetti beneficiari entro il termine previsto del 11 aprile 2022 o l’hanno inviata incompleta, possono comunque partecipare al riparto delle quote del 5 per mille 2022 grazie all’istituto della remissione in bonis (D.L. 2 marzo 2012, n. 16). COME REGOLARIZZARE LA POSIZIONE Per le ASD che non hanno presentato la domanda di iscrizione entro il termine dell’11 aprile 2022, è necessario: 1. presentare la domanda utilizzando il software di compilazione denominato “Istanza di accreditamento al 5 per mille - ASD” disponibile sul sito del CONI, alla pagina www.coni.it/it/registro-societa-sportive/5-per-mille.html, mediante collegamento al sito dell’Agenzia delle entrate. Il servizio è, altresì, disponibile direttamente sul sito dell’Agenzia; 2. pagare contestualmente una sanzione di Euro 250,00. COME PAGARE LA SANZIONE Il pagamento della sanzione di euro 250,00 deve essere eseguito compilando il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE), come segue: • nella sezione “CONTRIBUENTE”, indicare: - nei campi “codice fiscale” e “dati anagrafici”, il codice fiscale e i dati anagrafici della ASD che effettua il versamento. • nella sezione “ERARIO ED ALTRO”, indicare: - nel campo “tipo”, la lettera “R”; - nel campo “elementi identificativi”, nessun valore; - nel campo “codice”, il codice tributo 8115; - nel campo “anno di riferimento”, l’anno per cui si effettua il versamento, ossia il 2022. ATTENZIONE: Potranno regolarizzare la propria posizione solamente le ASD già in possesso dei requisiti per l’iscrizione alla data di scadenza originaria della presentazione dell’istanza di accreditamento (11 aprile 2022). I requisiti richiesti sono i seguenti: - costituzione ai sensi dell’art. 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289; - possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI; - affiliazione ad una Federazione sportiva nazionale o ad una disciplina sportiva associata o ad un ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI o dal CIP ; - presenza nell’ambito dell’organizzazione del settore giovanile; - effettivo svolgimento in via prevalente di attività di avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni, ovvero di avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni, o nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione delle condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari. Si ricorda che non sono tenute a ripresentare la domanda di iscrizione le Asd già ammesse lo scorso anno, che risultino presenti nell’elenco permanente 2022 pubblicato dal Coni sul proprio sito istituzionale: www.coni.it/it/registro-societa-sportive/5-per-mille.html. Per ulteriori dettagli sulle modalità di compilazione e presentazione della domanda in parola, si rinvia alla news pubblicata su questo sito l'11.03.2022, click qui per consultare.
05/09/2022 - Notizie Fiscali

BONUS CARO BOLLETTE AI COLLABORATORI SPORTIVI

L’art. 32, comma 12 del D.L.17 maggio 2022, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2022, n. 91 ha esteso il bonus una tantum di 200 euro, concepito per sostenere i lavoratori e le famiglie a fronte del rincaro dei costi dell’energia, anche ai collaboratori sportivi che, in era pandemica, hanno beneficiato delle misure di sostegno per il contrasto alla crisi economica e sociale derivante dalla diffusione del Covid-19. L’erogazione di tale bonus è stata affidata a Sport e Salute che ha il compito, per individuare i beneficiari ed evitare sovrapposizioni di pagamento in favore di coloro che hanno diritto al beneficio anche ad altro titolo (diverso dall’aver ricevuto l’indennità in favore dei collaboratori sportivi erogata da Sport e Salute per contrastare la crisi pandemica), di confrontare i dati in proprio possesso con quelli dell’Istituto Nazionale di Providenza Sociale, il quale cura tali erogazioni ad altro titolo. Sport e Salute provvederà, mediante un pagamento automatico e senza necessità di presentare nuove richieste, alla effettuazione dei bonifici appena le risorse necessarie entreranno nella effettiva disponibilità di quest’ultima e saranno disponibili i dati definitivi relativi alla platea degli aventi diritto.
30/08/2022 - Notizie Fiscali

AGGIORNAMENTO SUL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO IN FAVORE DELLE ASD E SSD CHE GESTISCONO IMPIANTI SPORTIVI

Con riferimento alla nostra News del 5 agosto, si segnala che con Avviso del 26 agosto 2022 il Dipartimento dello Sport ricorda che le richieste di contributo a fondo perduto per gli impianti sportivi (bando 30 giugno 2022) dovranno essere inviate ESCLUSIVAMENTE entro il 31 agosto al proprio Organismo Sportivo affiliante (FSN, DSA, EPS) e non al Dipartimento per lo sport. Non verranno perciò prese in considerazione le richieste di contributo avanzate direttamente al Dipartimento da parte di singole associazioni e/o società sportive. La FIP, come già specificato, ha fornito alle proprie affiliate indicazioni in merito alla modalità di presentazione della domanda che andrà trasmessa in via telematica – entro il 31 agosto 2022 - alla Federazione al seguente indirizzo di posta elettronica: contributogestioneimpianti@fip.it. Si suggerisce di continuare a controllare il sito del Dipartimento per lo Sport, in quanto le FAQ pubblicate hanno subito un ulteriore aggiornamento in data 25 agosto. Link Utili: Contributo a fondo perduto in favore dei gestori di impianti sportivi FAQ Contributo 2022 Avviso del 26 agosto 2022