16/02/2022 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

SABATO 19 FEBBRAIO WORKSHOP 4+NUTRITION

Sabato 19 febbraio 2022 alle ore 14.30 si svolgerà nella Sala Stampa della Vitifrigo Arena di Pesaro (Ingresso Area Rossa) un workshop organizzato da 4+Nutrition, partner ufficiale dell'edizione 2022 della Frecciarossa Final Eight di Pesaro (16-20 febbraio). Tema del workshop: "PALLACANESTRO E INTEGRAZIONE: una chiave per ottimizzare la performance" Relatore: Giacomo Astrua - Dietista e Nutrizionista Sportivo Intervento di: Diego Rossetto - CEO di 4+Nutrition Per ulteriori info scrivere a coppaitalia@legabasket.it Ufficio Stampa FIP MARCHE
15/02/2022 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

FRECCIAROSSA FINAL EIGHT LBA A PESARO SI PARTE CON I QUARTI DI FINALE

Al via la Finale Eight LBA 2022 che dopo due anni torna alla Vitifrigo Arena di Pesaro.   La sfida che apre la Frecciarossa Final Eight LBA è AX Exchange Milano - Banco di Sardegna Sassari (mercoledi 16 febbraio ore 18.00). La squadra di coach Messina è la vincitrice dell’edizione 2021 ed è pronta a difendere il titolo. Il punto di forza del gruppo milanese è la difesa, grazie alla solidità nella propria metà campo e l’esperienza dei veterani, Milano è la squadra che subisce mediamente meno punti in una partita in campionato (70,1 nel girone d’andata). Nonostante sia difficile trovare un punto debole nel roster meneghino, Milano necessita di fare uno step ulteriore nelle meccaniche offensive per poter bissare il trionfo nell’ultima Frecciarossa Final Eight. Per quanto riguarda la Dinamo Sassari, è la decima volta che partecipa a questo torneo, con due vittorie ottenute nel 2014 e nel 2015. Il punto di forza della squadra di Piero Bucchi è la fase offensiva, infatti Sassari può vantare il secondo miglior attacco in campionato per punti segnati (83,1 in media). Al contrario degli avversari, la principale preoccupazione della Dinamo sarà quello di tenere sotto controllo i rimbalzi, punto cruciale per la squadra sarda. La 4ª e la 5ª squadra al termine del girone di andata, Dolomiti Energia Trentino e Germani Brescia (mercoledi 16 febbraio ore 20.45) si affrontano nel secondo quarto di finale. Per i bianconeri questa è la terza partecipazione alla Coppa Italia, dopo le due esperienze che risalgono al 2015 e 2016. Atletismo, dinamismo e velocità sono i punti di forza della squadra di coach Lele Molin, grazie ad un mix tra italiani e stranieri adatti ad un sistema di gioco rapido. Al contrario, i giocatori di Trento spesso soffrono cali di concentrazione ed energia, soprattutto nelle situazioni di transizione difensiva. Brescia è la squadra al momento più in forma e sicuramente proverà a proseguire la striscia di 8 vittorie consecutive in campionato. La combo palloni rubati e contropiede è l’arma migliore della squadra di coach Magro, che fa della transizione uno dei propri punti di forza. I punti di debolezza della Germani Brescia sono la costruzione dei tiri per i compagni e, più in generale, la gestione del possesso della pallone, infatti troppo spesso passaggi difficili si tramutano in palle perse. Il terzo quarto di finale è il match tra Allianz Pallacanestro Trieste e Bertram Derthona Basket (giovedi 17 febbraio ore 18.00), le due squadre rivelazione di questo campionato. La società biancorossa può essere la mina vagante di questa competizione potendosela giocare con le altre compagini sotto ogni aspetto di gioco. Infatti la versatilità è la caratteristica principale dei giocatori di coach Franco Ciani, abili sia nella metà campo d’attacco e sia in quella di difesa. La produzione offensiva è il punto di debolezza della squadra giuliana, poiché con 76,8 punti di media occupa il sedicesimo ed ultimo posto in classifica. Tortona ha ottenuto il pass per la @frecciarossaofficial #LBAF82022 alla sua prima partecipazione in assoluto al campionato di Serie A. Condivisione del pallone e corsa in contropiede sono i cavalli di battaglia dei ragazzi di coach Ramondino, i quali amano il gioco di squadra e i tiri veloci, soprattutto da oltre l’arco. Al contrario, il team piemontese soffre sotto il punto di vista della fisicità e dei rimbalzi, per questo gli esterni non dovranno lasciare i lunghi compagni di squadra abbandonati al proprio destino sotto le plance di gioco. L’ultimo quarto di finale vede contrapposte la Virtus Segafredo Bologna e la Happy Casa Brindisi (giovedi 17 febbraio ore 20.45), seconda contro settima nel tabellone della Final Eight. Le V nere non vincono la Coppa Italia da oramai 20 anni e arrivano a Pesaro con la voglia di sfatare questo tabù. I meccanismi offensivi del gruppo di coach Scariolo sono oliati alla perfezione, infatti la squadra bolognese è prima nelle statistiche di punti segnati, percentuale di tiri da 2 e quella totale di realizzazione. Il numero delle palle perse è il tallone d’Achille della Virtus Bologna, che tende a buttare via troppi palloni, concedendo agli avversari possessi extra. La Stella del Sud si è qualificata alle #LBAF82022 all’ultimo respiro, grazie al successo casalingo nello scontro diretto con Napoli. Pick and roll e tiri nel pitturato sono i punti di forza della squadra di Frank Vitucci. La principale pecca del team pugliese è la percentuale ai tiri liberi (solo il 67,6%), un problema che in competizioni da dentro o fuori può decidere il destino di una partita. QUARTI DI FINALE 16.02.2022 ore 18.00 AX Exchange Milano-Banco di Sardegna Sassari 16.02.2022 ore 20.45 Dolomiti Energia Trentino-Germani Brescia 17.02.2022 ore 18.00 Allianz Pallacanestro Trieste-Bertram Derthona Tortona 17.02.2022 ore 20.45 Virtus Segafredo Bologna-Happy Casa Brindis SEMIFINALE 19.02.2022 ore 18.15 semifinale 19.02.2022 ore 21.00 semifinale FINALE 20.02.2022 ore 18.00 FINALE  
29/01/2022 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

FINAL EIGHT LBA. DEFINITO IL PROGRAMMA DELLA COPPA ITALIA DI PESARO

Con la vittoria di Varese contro Trento, nel recupero della 13a giornata di LBA, si definisce il tabellone della Frecciarossa Final Eight che si svolgerà alla Vitifrigo Arena di Pesaro dal 16 al 20 febbraio prossimi. Questo il programma della Frecciarossa Final Eight Mercoledì 16.02.2022 ore 18.00 A|XArmani Exchange Milano-Banco di Sardegna Sassari ore 20.45 Dolomiti Energia Trentino-Germani Brescia Giovedi 17.02.2022 ore 18.00 Allianz Trieste-Bertram Tortona ore 20.45 Virtus Segafredo Bologna-Happy Casa Brindisi Sabato 19.02.2022 ore 18.15 Semifinale (vincente A|XArmani Exchange Milano-Banco di Sardegna Sassari contro vincente Dolomiti Energia Trentino-Germani Brescia) ore 21.00 Semifinale (vincente Allianz Trieste-Bertram Tortona contro Virtus Segafredo Bologna-Happy Casa Brindisi) Domenica 20.02.2022 ore 18.00 FINALE Pesaro torna a ospitare la Final Eight di Coppa Italia LBA dopo l'edizione del 2020 che vide la vittoria dell'Umana Reyer Venezia (73-67 in Finale contro Brindisi il 16 febbraio 2020). Rispetto ad allora la versione 2022 vede la conferma di cinque delle otto squadre presenti. L'A|XArmani Exchange Milano aggiorna il record di partecipazioni portandolo a 17, quella di Pesaro è la sua 13a presenza consecutiva all'evento che assegna il trofeo. Assenti nel 2009, dal 2010 i milanesi sempre presenti con le vittorie nel 2016, 2017 e 2021. A Pesaro sarà assente la finalista dell'ultima edizione con la Carpegna Prosciutto Pesaro che non è riuscita a centrare la qualificazione. Il fatto di non vedere chi è arrivato in finale l'anno prima non è una novità. E' successo nel 2005 (sempre con Pesaro), nel 2006 (Reggio Emilia), 2014 (Varese), 2015 (Siena), 2018 (Sassari) e 2019 (Brescia). Solo in due occasioni i campioni uscenti hanno fallito la qualificazione l'anno dopo: Treviso nel 2001 e Torino nel 2019. Dopo 5 edizioni, rimasta a casa a guardare, torna alla Final Eight la Dolomiti Energia Trentino, semifinalista in entrambi i suoi precedenti (2015 e 2016). Debutto assoluto per la Bertram Tortona, unica neopromossa a centrare l'obbiettivo. L'altra matricola Napoli ha fallito il ritorno nella F8. I partenopei e Treviso condividono con Varese la striscia più lunga di assenze tra i 16 club di LBA (3 anni). Questo il dettaglio delle partecipanti alla Final Eight di Pesaro 2022: A|XArmani Exchange Milano 17a partecipazione totale 13a partecipazione consecutiva 2009 ultima assenza Miglior risultato: Vittoria nel 1972, 1986, 1987, 2016, 201, 2021. Virtus Segafredo Bologna 13a partecipazione totale 5a partecipazione consecutiva 2017 ultima assenza Miglior risultato: Vittoria nel 1974, 1984, 1989, 1990, 1997, 1999, 2001, 2002. Allianz Trieste 2a partecipazione totale 2a consecutiva 2020 ultima assenza Miglior risultato: quarti di finale 2021 Dolomiti Energia Trentino 3a partecipazione totale 2021 ultima assenza Miglior risultato: Semifinali 2015 e 2016 Germani Brescia 5a partecipazione totale 2021 ultima assenza Miglior risultato: Finale 2018 Bertram Tortona 1a partecipazione assoluta Happy Casa Brindisi 8a partecipazione totale 5a partecipazione consecutiva 2017 ultima assenza Miglior risultato: Finale 2019, 2020 Banco di Sardegna Sassari 10a partecipazione totale 4a partecipazione consecutiva 2018 ultima assenza Miglior risultato: Vittoria 2014, 2015 Ufficio Stampa FIP MARCHE
25/01/2022 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

GIOVEDÌ 3 FEBBRAIO RIUNIONE TRA LBA E LE SOCIETÀ DELLE MARCHE

Giovedì 3 febbraio 2022, alle ore 21.00 su piattaforma Zoom, si terrà una riunione organizzata da Legabasket Serie A LBA a cui sono state invitate tutte le Società delle Marche. L'incontro è dedicato alla presentazione delle iniziativa legata della Final Eight di Coppa Italia LBA che si svolgerà a Pesaro dal 16 al 20 febbraio prossimi. A ogni Società sono state inviate su propria casella spes le credenziali di accesso per partecipare alla riunione. Ufficio Stampa FIP MARCHE
17/02/2020 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

IBSA NEXT GEN CUP. LA REYER VENEZIA TRIONFA IN FINALE CONTRO REGGIO EMILIA

L'Umana Reyer Venezia si aggiudica la seconda edizione della IBSA Next Gen Cup superando nella finalissima della Vitrifrigo Arena di Pesaro la Grissin Bon Reggio Emilia: 62-59 il punteggio finale in una gara condotta quasi ininterrottamente dai lagunari ma in cui gli emiliani hanno dato sempre filo da torcere. Determinante Davide Casarin con una prestazione da 22 punti, 17 rimbalzi e 6 assist in 37 minuti. In evidenza anche Leonardo Biancotto e Luca Possamai (entrambi a quota 12 punti e 7 rimbalzi). Dall'altra parte non è bastato il losing effort di un Antonio Jacopo Soviero ancora una volta protagonista (20 punti, 9 rimbalzi, 6 assist). In doppia cifra realizzativa anche Marco Giannini (14) e Ibrahima Cham (11). Il primo quarto sorride alla Reyer, che comincia col piede giusto sin dalle primissime battute. Per Reggio Emilia le difficoltà non mancano, perché oltre al confronto con un avversario di livello c'è da mettere in conto l'assenza per infortunio di una pedina importante come Porfilio. Venezia chiude i primi dieci minuti in perfetto controllo (21-11) ma all'inizio del secondo quarto i biancorossi dimostrano di voler reagire: spronati da un ottimo Soviero, si rimettono in carreggiata (25-20, 6:09). Certo però che stare dietro a questa Umana è cosa dura: Biancotto è solidissimo (11 punti e 6 rimbalzi all'intervallo lungo) e Casarin dispensa i suoi abituali lampi di bravura (12 punti, 12 rimbalzi, 5 assist nel primo tempo). Proprio il secondo è autore della tripla che riavvicina i lagunari alla doppia cifra di vantaggio (35-26, 1:45). Nonostante l'inerzia sfavorevole, Reggio riesce a rosicchiare qualcosa: si va negli spogliatoi sul 37-32. Il ritorno in campo è in salita per gli emiliani che esauriscono il bonus dopo poco più di 3 minuti. Venezia però non ne approfitta come sarebbe lecito aspettarsi e, con Soviero di nuovo in luce, le squadre restano vicine nel punteggio. Anche Cham ha i suoi acuti: sfida Possamai in uno-contro-uno e in terzo tempo deposita il canestro del -2 (47-45, 2:38). Per fortuna dei veneti, ci sono Bellato e Candotto a restituire un po' di ossigeno alla squadra e la frazione si chiude sul 51-45. L'inizio dell'ultimo quarto diverte e vede Reggio farsi sotto ma trovando la pronta risposta della Reyer con un Casarin "in the zone". Il campioncino veneziano prima risponde al pareggio di Diouf con una tripla dal palleggio e poi al momentaneo sorpasso di Soviero con un arresto-e-tiro da due punti (56-55, 6:46). La parte centrale della frazione è tesissima, piena di errori e povera di canestri. Quando si entra negli ultimi novanta secondi di gioco, si è sul 62-58 per Venezia (la quale nel frattempo deve fare a meno di Biancotto, uscito per falli). A 1'14" dalla fine, Soviero fa 1/2 ai liberi per il -3 reggiano. Da lì in poi, parte una girandola di errori: 0/2 dalla lunetta di Possamai, air ball di Giannini, errore in penetrazione di Berdini e, infine, un altro air ball, stavolta di Soviero, con 4 secondi da giocare. Sull'ultimo possesso Cham prova a fare fallo su Berdini ma non vi riesce: la Reyer Venezia vince col punteggio di 62-59.
17/02/2020 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

ZURICH CONNECT FINAL EIGHT. A PESARO VINCE L'UMANA REYER VENEZIA

Alla Vitrifrigo Arena esplode la festa per la Umana Reyer Venezia che dopo lo scudetto porta a casa anche la Coppa Italia vincendo per 73-67 contro la Happy Casa Brindisi al termine di 40' molto emozionanti. Il match più importante che si gioca davanti a 9706 spettatori si decide nell’ultimo minuto ma a vincere è la squadra che ha dimostrato di essere più costante nell’arco dei quattro giorni sul parquet della Vitrifrigo Arena. La Umana Reyer schiera in quintetto Tonut, De Nicolao, Chappell, Mazzola e Watt. Coach Vitucci si affida a Brown, Banks, Martin, Thompson e Stone. Il primo quarto è di marca Reyer che parte molto forte: la squadra di coach De Raffaele al 7’ è avanti 15-2, la Happy Casa prova a scuotersi e a tentare la rimonta con i due liberi di Banks. Si gioca a ritmi molto alti, Zanelli riporta i suoi sotto la doppia cifra di svantaggio. Il primo quarto si chiude con Venezia avanti 18-8 Nei secondi dieci minuti la gara continua a essere molto intensa: Venezia vuole scappare, Brindisi non ci sta. Al 15’ il tabellone è sul 24-14, Brown dalla lunetta fa 1/2 per il -11 Happy Casa. Chappell allunga le distanze, la terna arbitrale fischia fallo in attacco ai danni di Tonut a 3’56” dall’intervallo. Ci pensa Banks a far infiammare il pubblico di fede brindisina con la tripla del -7 a 3’19” dalla pausa lunga. La Umana Reyer chiama timeout: Watt subisce fallo e chiude al meglio il gioco da tre punti che vale il 31-21. La bomba di Thompson riporta la Happy Casa a -7. Brindisi accorcia ancora con i due liberi di Banks, il punteggio vede avanti Venezia per 31-26 quando Mazzola piazza la tripla del +8 veneto. A 22 secondi dalla sirena Banks va in lunetta e non sbaglia: Brindisi difende bene sull’ultimo attacco di marca Reyer e si va negli spogliatoi sul punteggio di 34-30 in favore dei campioni d’Italia in carica. Il secondo tempo inizia con lo stesso ritmo con cui si sono chiusi i primi 20 minuti: alla volontà di allungo di Venezia risponde la tenacia di Brindisi nel voler restare in partita. A 2’18” dalla terza sirena la Umana Reyer è avanti 46-41, Bramos riporta a +7 i suoi e poi è Watt a firmare il 50-42 al 29’. Sulla sirena di fine terzo quarto Chappell tenta la tripla del possibile 53-43 ma per poco non trova il canestro. Al 30’ la Umana Reyer è avanti 50-43. L’ultimo periodo vale la finale e la Coppa Italia 2020: la bomba di Tonut al 35’ manda in estasi il pubblico di fede Reyer che vola sul 63-51. Banks tiene vive le speranze di recupero Happy Casa, a 3’46” dalla fine coach De Raffaele chiama timeout. Brindisi sbaglia per due volte da tre punti al 37’ con Venezia avanti 65-54. Daye commette fallo, Banks dalla lunetta fa 2/2 per il nuovo -9 pugliese. La Vitrifrigo Arena si accende con la bomba del numero 0 Happy Casa. Daye per due volte sbaglia dall’angolo, dall’altra parte Stone commette fallo antisportivo su Sutton che però a 1’44” dalla fine sbaglia entrambi i liberi. Il -4 lo firma Martin, Watt da sotto non realizza, Brindisi recupera il possesso ma alla palla a due la freccia dà ragione alla Umana. La bomba di Daye pesa come un macigno: coach Vitucci chiama timeout a 54 secondi dal termine con Venezia avanti 68-61. Sul tentativo di attacco di Gaspardo il pallone si incastra tra ferro e canestro, Banks subisce fallo sul tiro dai 6.75 e fa 3/3 (68-64 Reyer). A 26 secondi dalla fine Sutton commette il suo quinto fallo su De Nicolao che ai liberi è un sentenza (70-64). Bramos realizza il canestro della sicurezza, alla Happy Casa il tiro pesante non entra più e finisce con il trionfo della Umana Reyer che dopo lo scudetto vince anche la Zurich Connect Final Eight 2020 per 73-67. Alla sirena finale parte la grande festa dei veneti sotto la curva orogranata in delirio. UMANA REYER VENEZIA – HAPPY CASA BRINDISI 73-67 (18-8; 34-30; 50-43; UMANA REYER VENEZIA : Casarin ne, Stone, Bramos 12, Tonut 13, Daye 13, De Nicolao 5, Filloy, Vidmar, Chappell 7, Mazzola 6, Cerella, Watt 17 ALL. De Raffaele HAPPY CASA BRINDISI : Brown 3, Banks 27, Martin 5, Sutton 5, Zanelli 7, Guido ne, Gaspardo 8, Campogrande 6, Thompson 6, Cattapan ne, Stone, Ikangi ne ALL. Vitucci Arbitri: Paternicò, Lanzarini, Mazzoni
15/02/2020 - FINAL EIGHT COPPA ITALIA 2022

ZURICH CONNECT FINAL EIGHT. BRINDISI SI AGGIUDICA LA SFIDA SPETTACOLARE CONTRO SASSARI (86-91)

La Happy Casa Brindisi è la terza semifinalista della Zurich Connect Final Eight 2020 in corso alla Vitrifrigo Arena di Pesaro. La squadra di Coach Vitucci batte 91-86 il Banco di Sardegna Sassari al termine di 40' fantastici e molto equilibrati. I sardi schierano in quintetto Pierre, Evans, Spissu, Vitali e Bilan. La Happy Casa risponde con Brown, Banks, Martin, Stone e Thompson. Il primo canestro del match è del Banco di Sardegna a firma Evans ma subito dopo è Thompson a rispondere dai 6.75 per la Happy Casa. I pugliesi fin da subito hanno ottime cose da Adrian Banks che dopo sei minuti si trova già a quota 9 punti realizzati. A 3’20” dalla prima sirena la Happy Casa è avanti 13-18. Bilan, Evans e Pierre riportano la gara in parità sul 18-18 a 2’15” dalla fine del primo quarto. Martin mette a segno la bomba del nuovo vantaggio brindisino e subito dopo la schiacciata del +5 Happy Casa (18-23). Banks dall’angolo non perdona per il 20-26, a quattro secondi dalla fine del primo quarto Pierre serve un assist a grandissima velocità a Jerrells che non delude e porta le due squadre alla prima pausa sul 22-26 in favore della Happy Casa Brindisi. Il secondo quarto si apre con il tentativo di allungo dei pugliesi ma la gara rimane molto equilibrata: la schiacciata di Stone e la tripla di Jerrells accendono la Vitrifrigo Arena. È ancora il numero 55 ad accorciare le distanze: a 6’20” dall’intervallo la Happy Casa è avanti 29-30. Banks infila un nuovo tiro da tre, Vitali al 18’ piazza una grande schiacciata sul finire dei 24 secondi per il 33-37. A 6” dalla pausa lunga Gaspardo commette fallo e manda in lunetta Pierre che fa 2/2. Il primo tempo si conclude con la Happy Casa in vantaggio per 38-39. Si torna in campo con la tripla di Thompson ma il Banco di Sardegna sorpassa con i cinque punti di fila realizzati da Pierre. La partita è molto equilibrata, Sutton con 4 punti consecutivi riporta avanti la Happy Casa a 5 minuti dalla terza sirena (47-51). La terna arbitrale fischia un fallo tecnico a Banks, Pierre dalla lunga distanza non perdona e al 27’ il tabellone vede avanti la Happy Casa 53-55. Si segna molto da entrambi le parti in una gara dai ritmi alti. La bomba di Jerrells vale il nuovo pareggio a quota 59 a 2’15” dalla fine del terzo quarto. Banks non ci sta e risponde dalla stessa distanza per il nuovo +3 Brindisi che poi va a segno anche con una grande schiacciata di Sutton. Il semigancio di Pierre vale il -3 per Sassari, l’ultima azione del terzo periodo è di Jerrells che è autore di un’ottima entrata in area che però non si conclude con il canestro del possibile -1. Al 30’ il punteggio vede avanti la Happy Casa Brindisi 61-64. L’ultimo quarto inizia con il break di 4-0 Happy Casa firmato da Banks e Gaspardo ma Sassari risponde con i 4 punti di fila realizzati da Evans. A 7’44” dal termine la Happy Casa ha un vantaggio di tre punti (65-68), il match regala tante triple tra cui nell’ordine quelle di Spissu, Banks e Gentile per il 71-71. Al 34’ sono ben 31 i punti realizzati dal numero 0 dei pugliesi. È ancora Gentile da tre a riportare avanti il Banco di Sardegna ma al festival delle bombe si aggiungono quelle di Zanelli e Martin. A 4’32” dall’ultima sirena Evans commette fallo in attacco, Brindisi conduce 74-77. Jerrells mette la bomba del pari, poi Brown vola a schiacciare il nuovo +2 della formazione di Coach Vitucci. Bilan firma il pari, Spissu dai 6.75 è letale. La partita è bellissima. Il +3 è opera di Sutton, il pari lo piazza ancora Jerrells. Brown fa 0/2 ai liberi ma il rimbalzo è di nuovo di Brindisi che però non va a segno. Jerrells ritenta da tre ma senza fortuna, dall’altra parte dall’angolo è invece Martin a trovare la tripla che potrebbe essere decisiva. Coach Pozzecco chiama timeout a 19 secondi dal termine sull’88-85 in favore della Happy Casa. Il numero 1 dei pugliesi commette fallo su Pierre che realizza un tiro libero per il -2 sardo. Banks invece non sbaglia e fa 2/2 per il 90-86 pugliese a 16 secondi e mezzo dalla fine. Pierre prova a trovare la tripla del -1 dalla lunghissima distanza ma senza riuscirci. Jerrells è quindi costretto al fallo su Martin che realizza il libero che vale il 91-86 finale per la Happy Casa che stacca il pass per la semifinale in programma domani sera alle 21 contro la vincente del quarto di finale tra Germani Brescia e Pompea Fortitudo Bologna. Il miglior realizzatore del match è Adrian Banks, grandissimo protagonista dell’incontro e autore di 37 punti e con 38 di valutazione. BANCO DI SARDEGNA SASSARI – HAPPY CASA BRINDISI 86-91 (22-26; 38-39; 61-64) BANCO DI SARDEGNA SASSARI : Spissu 15, Bilan 8, Lucarelli, Devecchi ne, Evans 12, Magro ne, Pierre 21, Gentile 6, Coleby 2, Vitali 2, Jerrells 20 ALL. Pozzecco HAPPY CASA BRINDISI : Brown 2, Banks 37, Martin 14, Sutton 10, Zanelli 3, Guido ne, Gaspardo 6, Campogrande, Thompson 10, Cattapan ne, Stone 9, Ikangi ne ALL. Vitucci Arbitri : Lanzarini, Vicino, Bartoli (credits www.legabasket.it)