07/12/2022 - Comitato

UFFICIO SEGRETERIA FEDERALE DEL COMITATO CHIUSO IL 09 DICEMBRE

Su disposizione di Sport e Salute SpA, il 09 dicembre 2022 la Segreteria Federale del Comitato resterà chiusa.
06/12/2022 - Comitato

LA CAMPANIA PARTECIPERÀ AL QUADRANGOLARE UNDER 15 FEMMINILE ‘LAZIO IN PINK’

La Campania parteciperà al torneo ‘Lazio in Pink’, un quadrangolare Under 15 che si svolgerà ad Anagni il 7 e 8 dicembre. Oltre alla Campania, saranno presenti le rappresentative di Lazio, Abruzzo e Toscana. La squadra guidata da coach Massimo Massaro, partirà domani mattina alla volta di Anagni. Sono 12 le atlete convocate. Il torneo è stato organizzato in occasione delle festività natalizie ma rappresenterà anche l’occasione per le ragazze di confrontarsi al di fuori di quella campana con le altre realtà nazionali, dopo il lungo rallentamento dovuto alla pandemia. Finalmente si riprende l’attività agonistica a pieno regime e con tanto entusiasmo. La prima gara per le ragazze di coach Massaro è in programma mercoledì alle 16.30 contro la rappresentativa dei padroni di casa Lazio. Il giorno successivo le campane saranno impegnate in due gare: alle ore 11.00 contro l’Abruzzo mentre alle ore 15.30 ci sarà il match contro la Toscana. Queste le convocate nella rappresentativa Under 15 Femminile: 1. Ascione Laura Salerno - Basket 92 2. De Simone Florencia - Basket Femm. Stabia 3. Di Fronzo Antonia - ’75 Basket Casalnuovo 4. Esposito Lucrezia - Basket femm. Stabia 5. Evangelista Francesca - ’75 basket Casalnuovo 6. Gambardella Francesca - Pall. Costiera Amalfitana 7. La Matta Syria – Pol. Virtus Piscinola 8. Leonardi Erica - Salerno Basket 92 9. Naddeo Emilia - Salerno Basket 92 10. Negri Mariafrancesca Miniandbasket Player 11. Spira Aurora - ’75 Basket Casalnuovo 12. Tagliaferri Roberta - ’75 Basket Casalnuovo STAFF TECNICO REGIONALE ALLENATORE - Massimo Massaro ASSISTENTE - Eduardo Coppola ASSISTENTE - Elena Solmonese PREPARATORE FISICO - Marianna D’amato DIRIGENTE - Giuseppe Gallo
05/12/2022 - Comitato

ANDREA CAPOBIANCO: “IN CAMPANIA SI STA PROVANDO A FARE SEMPRE QUALCOSA IN PIÙ A LIVELLO GIOVANILE, IL LAVORO DA FARE IN TUTTE LE REGIONI E QUELLO DI INVESTIRE SUI GIOVANI”.

Nei giorni scorsi in Campania presente anche Andrea Capobianco. Un gradito ritorno per il coach napoletano, che attualmente è responsabile tecnico 3x3 maschile e femminile, per gli allenamenti della Nazionale Femminile 3x3 che si sono svolti a Napoli. Oltre ad allenare le ragazze, coach Capobianco è responsabile tecnico del Settore Squadre Nazionali maschili giovanili e Allenatore Under 18 maschile. “Sono molto contento perché è un piacere allenare le ragazze - spiega Capobianco -. Hanno sempre una grande voglia e non vogliono mai mollare, sono capaci di allenarsi con grandissima attenzione e determinazione, anche per queste ragioni sono diventate giocatrici di un certo livello. Posso dire che sta andando bene, questo non sta a significare che non ci siano errori. Del resto gli errori fanno parte del percorso formativo e noi stiamo cercando di lavorare e crescere per partecipare ai mondiali e speriamo tra qualche anno alle Olimpiadi. L’obiettivo è ben chiaro – continua Capobianco - gli occhi sono rivolti ai Giochi Olimpici, quello è il sogno che ogni sportivo vorrebbe raggiungere. Ci auguriamo di lanciare questo gioco, e devo dire che sono soddisfatto anche da questo punto di vista perché vedo tantissime giocatrici ma, anche tanti giocatori che praticano questo sport. Il 3x3 ha visto sul parquet giocatori come Spissu, Ricci, atleti che giocano attualmente con la Nazionale. In campo femminile abbiamo Debora Carangelo, Sara Madera che attualmente sono nella Nazionale A. Questo sport deve essere visto come uno sport formativo anche per il 5 contro 5 e non un nemico, quando ci apriremo a questa mentalità penso che l’intera famiglia della pallacanestro possa usufruire di benefici molto importanti. Come ha ritrovato la Campania, coach ? “Qui si sta provando a fare sempre qualcosa in più a livello giovanile, ci sono società che stanno lavorando in modo migliore e penso che questo sia il futuro. Attualmente la Campania vanta giocatrici, come la già citata Debora Carangelo o come Caruso, Mascolo nel maschile, ed altri. Sul fronte allenatori questa è una regione che copre tutto il territorio con coach di altissimo livello. Lo stato è sicuramente buono ma bisogna provare a migliorarlo sempre. Non dimentichiamo che la Campania è stata regione di pallacanestro, e questo lo posso affermare con molta decisione, ricordiamo che con l’annata 1978 è arrivata con tre squadre alle Finali Nazionali nella stessa categoria. Ci auguriamo che si ripeta questa situazione. Il lavoro da fare importante in tutte le regioni e quello di investire sui giovani”. Ufficio Stampa C.R. Campania
30/11/2022 - Comitato

LUCCHESI: “QUI IN CAMPANIA C’È LA VOLONTÀ DI CRESCERE E FAR CRESCERE IL MOVIMENTO, A PARTIRE DA QUELLA DEL PRESIDENTE CALIENDO”

Nei giorni scorsi Napoli è stato il palcoscenico del basket italiano. Presente la Nazionale Femminile di coach Lardo che ha giocato e conquistato la qualificazione per l’Europeo, ma non solo. Tanti gli addetti ai lavori presenti nel capoluogo campano. Per forte volontà del Presidente della Fip Campania, Antonio Caliendo, e dell’intero comitato regionale, sono stati organizzati tornei ed allenamenti aventi come protagoniste le giovane atlete campane delle numerose società del territorio. Tra questi eventi, cosiddetti di ‘cornice’, anche una tre giorni che è stata molto utile ai responsabili regionali e nazionali del settore giovanile della Nazionale per visionare giovani atlete. Il coach Massimo Massaro, ha tracciato un bilancio: “Abbiamo iniziato il monitoraggio delle annate 2007-2008-2009, stiamo visionando una sessantina di ragazze. In realtà lo scopo principale è riprendere da dove avevamo lasciato prima dello stop, dovuto alla situazione pandemica e, quindi, verificare lo stato di salute del basket nelle regione. Prossimamente inizieremo a visionare anche l’annata 2010. L’obiettivo, come dicevo – continua Massaro - è riprendere in mano la situazione e raggiungere in breve tempo tante vittorie come è successo in passato. Vogliamo aumentare la collaborazione con le società in modo da alzare il numero e la qualità delle atlete presenti in Campania. Stiamo visionando anche un gruppo di giovani allenatori che vedranno e seguiranno le ragazze tutti i giorni in palestra. Il 7 e 8 dicembre abbiamo organizzato un torneo ad Anagni, li ci sarà l’effettiva ripresa, cosa a cui il presidente Antonio Caliendo ci tiene moltissimo”. Abbiamo scambiato due parole anche con il Responsabile del settore giovanile Nazionale femminile, Giovanni Lucchesi: “La prima cosa che salta all’occhio, vedendo le ragazze in campo, è la loro ‘fame’ di giocare, di stare sul parquet e di lavorare. Loro riescono ad esprimere emozione e passione. In altre parti d’Italia, non voglio essere frainteso, dopo la pandemia ho notato che le atlete hanno fatto fatica ad esprimere i loro stati d’animo in campo. Potrebbe trattarsi anche di un aspetto che è cambiato in base alla rimodulazione del proprio vissuto interiore. Qui, invece, da un punto di vista emotivo sono quelle che ho lasciato due anni fa. Il calore del popolo campano è da sempre risaputo. La trasmissione di energia e passione in campo – continua Lucchesi - è qualcosa che fa star bene anche chi allena, noi allenatori abbiamo il sacrosanto dovere di motivare, mantenere vivo l’ambiente ma, ogni tanto, anche una scintilla dall’esterno può essere utile per tutti noi allenatori. Questo è l’aspetto emotivo, da un punto di vista tecnico, invece è normale che, dopo più di due anni di stop, si percepisce chiaramente, qui come altrove, ci sia stato un rallentamento soprattutto in queste fasce di età che sono state le più penalizzate, hanno potuto allenarsi di meno e di conseguenza apprendere di meno. Questo è un aspetto diffuso e generale, che bisogna affrontare con pazienza, con entusiasmo e soprattutto con la percezione e la consapevolezza di questi aspetti esistono. Dobbiamo tornare a riscoprire la fase istruente rispetto a quella di allenatori che pensano alla partita, se vogliamo riguadagnare il tempo perduto”. Coach, come trova lo stato di salute del basket in Campania? “Qui il basket ha vissuto in passato momenti di grande fulgore e momenti meno brillanti, mi riferisco alle squadre femminili. Il termometro è rappresentato dai campionati giovanili, magari semplicemente dal numero di squadre iscritte ai vari campionati che riesce a fare da indicatore dello stato di salute. Noi dobbiamo ragionare oltre, che sull’aspetto emotivo, passionale, emozionale, anche sull’aspetto numerico. Abbiamo dei dati che ci dicono che abbiamo un numero squadre, un numero di tesserati e da li bisogna ragionare. Bisognerebbe fare un ragionamento complessivo all’interno di questi dati, ma aggiungo anche che si può crescere nel momento in cui c’è la volontà di spingere, e a questo proposito devo dire che qui c’è la volontà, a partire da quella del presidente, Caliendo che mi sembra uno di quelli in Italia più attivi e più partecipi. Basti pensare a come sia riuscito a costruire intorno alla presenza della Nazionale Senior, tante occasioni ed eventi per coinvolgere tutti gli ambiti a partire dal sociale, l’agonistico, il tecnico e questo per il settore femminile è una forte spinta. Se c’è questa spinta, bisogna andargli dietro, perché è bene che ci sia qualcuno che traina ma poi dopo bisogna anche mettersi in cammino tutto insieme. L’importante è partecipare per vincere, ma non le partite ma il freno che ogni tanto abbiamo tirato e che possiamo e dobbiamo abbassare. Quello che dico alle ragazze è che dobbiamo crederci tutti di più, perché la pallacanestro femminile in Europa è una pallacanestro che viene apprezzata, vissuta, giocata. E’ un sport che può essere attrattivo, e noi dobbiamo aumentare questa capacità attrattiva, ma allo stesso tempo dobbiamo essere disponibili a farci attrarre”. Ufficio Stampa C.R. Campania
26/11/2022 - Comitato

ANNULLAMENTO START DAY MINIBASKET FEMMINILE DEL 26 NOVEMBRE PALAVESUVIO

Causa allerta meteo, è annullato l'evento in programma per il giorno 26 novembre al Palavesuvio.
26/11/2022 - Comitato

LA FIP CAMPANIA È VICINA AL POPOLO D'ISCHIA

La Fip Campania è vicina al popolo ischitano duramente colpito dall'alluvione e dalle frane nelle ultime ore nel Comune di Casamicciola. Nel pomeriggio Il presidente Caliendo ha personalmente contattato le società di basket presenti sull’isola chiedendo loro notizie, aspettiamo aggiornamenti nelle prossime ore. Nella maggior parte dell’isola alle famiglie ischitane è stato consigliato di restare a casa per favorire i soccorsi per le strade. Nei prossimi giorni il Comitato regionale Campania, nella persona del suo Presidente Antonio Caliendo e di tutti i suoi consiglieri, ha dato la disponibilità ad iniziative a sostegno delle società ischitane affiliate alla FIP ed in particolare ai residenti del Comune di Casamicciola.
24/11/2022 - Comitato

INCONTRO TRA IL PRESIDENTE PETRUCCI E I DIRIGENTI DELLE SOCIETÀ DI BASKET CAMPANE.

Il Presidente della Federazione Italiana Pallacanestro, Giovanni Petrucci, ha incontrato presso il PalaVesuvio di Napoli, numerosi dirigenti e allenatori delle Società cestistiche campane. A fare gli onori di casa il Presidente regionale della Fip, Antonio Caliendo. Le prime battute sono toccate al Presidente Regionale del Coni, Sergio Roncelli, che ha ringraziato tutte le società presenti all’evento e ha sottolineato l’enorme sforzo da parte delle società che sono riuscite a risorgere da un periodo di pandemia, grazie ai propri atleti che hanno dimostrato sempre più voglia di fare sport. Roncelli ha ribadito il massimo impegno e sostegno del Coni ai dirigenti. A prendere la parola poi, il Presidente nazionale FIP, Giovani Petrucci: “Voglio fare i complimenti a tutti voi - riferendosi ai dirigenti e i presidenti della società presenti - che gestite e portate avanti l’attività della Pallacanestro in questa regione con grave carenza di impianti sportivi. Sono consapevole che non sia affatto facile e che solo grazie alla vostra enorme passione, il movimento continui a crescere in Campania. Quando ero il Presidente del CONI quattordici anni fa – ha continuato Giovanni Petrucci – elaborammo una statistica sugli impianti sportivi a Napoli: ben 45 impianti chiusi perché non gestiti. Un forte campanello d’allarme che oggi, non suona più forte come prima, ma non è del tutto scomparso”. Poi si è aperto anche il discorso sulla riforma della Pallacanestro con i vincoli sportivi. Secondo il Presidente Petrucci, la Legge voluta dall’ex Ministro Spadafora slitterà in quanto la Pallacanestro, in particolare nelle serie minori, non naviga nell’oro. “Mi rendo conto delle difficoltà di portare avanti le vostre società. Voglio pensare solo al caro gasolio e al caro benzina per affrontare le trasferte. Oggi ci sono ancora famiglie importanti amanti del basket come Nello Longobardi a Scafati e la famiglia Grassi per il Napoli Basket, pronte ad investire denaro per affrontare un costoso campionato di Serie A1; ma la differenza economica è enorme con la dirigenza di società minori che rappresentano l’importante base della Pallacanestro italiana. Dopo la pandemia voi avete recuperato, siete andati avanti e questo è solo per merito vostro e merito del vostro presidente, Antonio Caliendo". Il Segretario Generale della FIP, Maurizio Bertea, ha risposto sul futuro per le Società di basket: “Stiamo lavorando per cercare di non avere un peso eccessivo dal punto di vista economico sulle società di Pallacanestro. Abbiamo fatto proposte e attendiamo dal punto di vista Governativo, qualcosa che possa contribuire economicamente a migliorare la Pallacanestro per i prossimi anni. Un dato positivo già c’è – ha concluso Maurizio Bertea –. Il nostro bilancio si è assestato su valori molto accettabili. Segno che stiamo lavorando bene e ascia ben sperare per il futuro”. Presente all’incontro anche l’Assessore allo Sport del Comune di Napoli, Manuela Ferrante, che ha subito messo in risalto la problematica degli Impianti sportivi, praticamente la “piaga dello Sport” in una città come Napoli e provincia. “Nonostante il bilancio del Comune di Napoli sia in riassestamento, abbiamo grossi problemi nel poter finanziare ristrutturazioni di impianti sportivi comunali e quindi possiamo operare solo sulle piccole manutenzioni. Ma ci stiamo lavorando, già dal prossimo anno potremmo mettere a bilancio somme di denaro destinate a sostanziose ristrutturazioni su quegli Impianti ad oggi chiusi”. Presente all’evento anche dall’ex presidente della Fip Campania, Manfredo Fucile che ha salutato tutti gli intervenuti. Il discorso conclusivo è toccato al Presidente Antonio Caliendo che ha ringraziato e si è complimentato con tutto il suo staff, con i consiglieri e i delegati provinciali per il lavoro che giornalmente svolgono per il Comitato Regionale. Caliendo ha sottolineato che tutti i risultati raggiunti finora dal Comitato, sono riconducibili al lavoro e alla passione di tutti. Ufficio Stampa Campania