Comitato
L'esperienza al TDR 2017
Lorena Vaccaro (Arbitro)
Questa è una serata un po' diversa rispetto a quelle degli ultimi sette giorni. Ho il telefono in mano ma non per leggere le designazioni, ho impostato la sveglia alle 7 ma non per fare colazione tutti insieme, sono fisicamente stanca per il viaggio di ritorno e non per una partita. Sembra tutto così nuovo per me, nonostante fino ad una settimana fa era semplicemente la tipica routine mia vita.
Il fatto che stasera io mi senta un po' vuota e confusa prova che il Trofeo delle Regioni , in realtà, la vita te la cambia davvero.
Sono arrivata nella magnifica regione dell'Abruzzo con una valigia piena di vestiti ed una stracolma di ansia e preoccupazioni.
È fortemente difficile stabilire quale pesasse di più.
La differenza sostanziale tra le due è che la prima valigia l'ho svuotata in pochi minuti travasando tutto nell'armadio, per la seconda invece ci ho impiegato sette giorni e non sono sicura che sia del tutto vacante.
La prima l'ho svuotata da sola, per la seconda ho avuto bisogno di un po' di aiuto.
Ed è per questo che voglio ringraziare in primis i miei istruttori,che con bravura e pazienza mi hanno spronata sempre verso il meglio , a seguire le mie coinquiline - supporter , la delegazione della Basilicata, e dulcis in fundo, tutti gli arbitri e gli ufficiali di campo che mi sono stati accanto e mi hanno aiutata a migliorare facendomi sentire parte di una squadra invincibile!
Ammetto che alcuni momenti sono stati difficili,a volte sono caduta, ma la cosa più bella è stata non doversi rialzarsi da sola, come sempre, ma poter tendere la mano a tutti voi, consapevole che mi avreste tirato su. Ed infatti così è stato. La valigia con l'ansia si è quasi svuotata per far posto ai consigli, agli insegnamenti , agli obiettivi, alla determinazione, all'amicizia e alle innumerevoli cose belle di cui questo torneo mi ha arricchita. Non vi dimenticherò mai!
Siete stati importanti per me, tutti!

Nicla Squicciarini (Ufficiale di Campo)
Il TDR è di certo un'esperienza unica,in quanto permette l'incontro tra persone che condividono la stessa passione e che,pur essendo diverse tra loro,sono accomunate dall'assidua dedizione allo sport. È dunque un momento del tutto positivo e vantaggioso dal punto di vista professionale e personale,poiché ha come fondamentali finalità quelle del divertimento,della crescita e della condivisione.

Rocco Zaccagnino (Arbitro)
Non sono mai stato uno di molte parole e quindi chiedendomi di descrivere un' esperienza vado un po' in crisi, comunque ci provo. Il TDR mi è sempre stato descritto come il top del top e solo ora che l'ho provato posso capire che lo è davvero. È stata un'esperienza che consiglierei a chiunque perché è stata molto utile e divertente. Tra le cose più belle posso dire di sicuro che conoscere così tante persone tutte provenienti da posti diversi è davvero meraviglioso; si stringe amicizia con una semplicità assurda ed è una delle cose più belle. In conclusione è stata un'esperienza fantastica!