SPONSOR MAGLIA AZZURRA
SPONSOR TECNICO
TOP SPONSOR
SPONSOR
Gazzetta
 
NEWS
INDIETRO
30 Novembre 2016
⁠⁠⁠Il Minibasket raccontato al seminario del CONI Emilia Romagna
Di nuovo una giornata da protagonista per il minibasket italiano. “Solo per gioco – Dal gioco allo sport”: questo il titolo del seminario organizzato dal CONI Regionale dell’Emilia Romagna che si è svolto sabato 26 novembre a Modena, presso l’hotel Raffaello. Circa 350 i partecipanti, tra insegnanti, tecnici, dirigenti sportivi rappresentanti di diverse federazioni sportive, nonché studenti della facoltà di scienze motorie.

Davanti a questo variegato auditorio Maurizio Cremonini, Responsabile Tecnico del Settore Minibasket FIP è stato invitato ad intervenire in quanto testimone di come le teorie scientifiche possano e debbano essere applicate nella pratica dell’insegnamento del gioco-sport.

Negli interventi in programma nell'intensa giornata di lavoro, i ricercatori e professori provenienti da diverse ambiti di ricerca, sono riusciti a tracciare tramite l’esposizione dei propri studi un ritratto completo di ciò che deve essere il gioco-sport per i bambini tra i 5 e gli 11 anni, sia essa un’attività di tipo scolastico, sia che si parli di sport pomeridiano.

Proprio in virtù del profilo tracciato, Cremonini si è dichiarato soddisfatto: «Il quadro scientifico che è stato descritto dai relatori provenienti dalle diverse Università mi ha molto confortato. Nel senso che il modello di minibasket da noi adottato è assolutamente coerente e adeguato con quel riferimento scientifico. Sono andato via da questo incontro con la sensazione di essere sulla buona strada dal punto di vista del contenuto e delle azioni che stiamo tentando di realizzare. Conforto e soddisfazione, perché stiamo riuscendo a mettere il valore della persona prima di quello del giocatore».

Le parole di Cremonini confermano quindi l’assoluto valore del metodo didattico proposto dall’Italia: sviluppo di capacità motorie e cura dell’aspetto socio-relazionale e cognitivo.

Approfondimenti su questi temi sono arrivati dagli altri relatori. Arja Saakslathti dell’Università finlandese di Jyvaskyla ha sottolineato l’importanza del gioco all’aperto per lo sviluppo dei più piccoli. Jose Devis dell’Università di Valencia ha focalizzato le sue parole sull’aspetto pedagogico del gioco nella società postmoderna. Caterina Pesce, professoressa associata dell’Università di Roma Foro Italico, ha incentrato il suo intervento su: “Giocando con variabilità: un’interfaccia antica e sempre nuova tra sviluppo motorio e cognitivo”. Graziano Paissan, dell’Università di Verona, ha illustrato invece quanto accade nella disciplina dell’atletica. In ultimo le riflessioni di Andrea Ceciliani e di Roberto Farnè, entrambi dell’Università di Bologna.


Ufficio Stampa FIP
 
www.lexicon.it
PARTNER / FORNITORI UFFICIALI
UBI Banca Sixtus Sixtus Junckers Acqua Eva www.angelico.it www.megabasket.it D-fender www.dueessegroup.com www.spaldingbros.com
 
© Federazione Italiana Pallacanestro Sito ufficiale del Minibasket italiano    Privacy Policy    Cookie Policy