Notizie dalla Presidenza
Chiusura uffici del Comitato Regionale Fip Veneto A tutela della salute dei collaboratori tutti gli uffici saranno chiusi al pubblico
Un piccolo segnale, ma significativo. Il presidente Roberto Nardi e tutto il Consiglio regionale Fip Veneto hanno deciso di chiudere gli uffici del Comitato Regionale Veneto e delle sedi provinciali. Da oggi, dunque, gli uffici non saranno disponibili al pubblico a tutela dei collaboratori del Comitato e delle loro famiglie:

«Un segnale di rispetto e di responsabilità – spiega il presidente del Comitato regionale, Roberto Nardiin primis nei confronti dei tanti collaboratori che quotidianamente permettono alla macchina organizzativa del comitato di essere sempre disponibile. Ma soprattutto delle loro famiglie. Ne approfitto per invitare tutti a cercare di rispettare le indicazioni che ci sono state fornite nelle ultime ore per salvaguardare la salute di tutti, dai piccoli ai più anziani. È un sacrificio che ci permetterà di poterci tornare presto ad abbracciare, come da sempre fa la grande famiglia del basket veneto. Sono certo che con l’aiuto di tutti, riusciremo a superare anche questo difficile momento e a rivederci nelle nostre palestre a parlare di basket».

La chiusura al pubblico di tutti gli uffici del Comitato Regionale, al fine di agevolare l’attuazione del Dcpm dell’8 marzo, non ferma però la macchina di Fip Veneto e la disponibilità nei confronti delle società: i responsabili dei vari uffici saranno infatti a disposizione di dirigenti, società e atleti tramite i tradizionali indirizzi mail (presenti nel sito ufficiale www.fip.it/regioni/veneto) e i numeri di telefono.

«Io in primis come presidente, ma anche i consiglieri e tutti gli altri collaboratori restano a disposizione delle società per tutti i chiarimenti e le delucidazioni del caso – conclude Nardi – I nostri campionati regionali sono fermi da già due settimane, perché abbiamo ritenuto prioritario tutelare la salute dei tanti tesserati che rappresentano il nostro movimento. La sospensione di tutte le attività rimarrà in vigore fino a nuove comunicazioni, che speriamo di potervi dare al più presto. Ora abbiamo una partita da giocare: uniti, tutti insieme, possiamo vincere!».