Ricerca tra le news
23/05/2020 - News

REFEREE JR CUP, DOMENICA LA FINALISSIMA VENETO - MARCHE. DIRETTA ALLE 18 SU FACEBOOK

Ed eccci arrivti all'ultimo appuntamento. L'atto conclusivo di un'avventura incredibile che ci ha appassionato, coinvolto e anche formato: domani alle 18, domenica 24 maggio, è in programma la FINALE della REFEREE JUNIOR CUP, la manifestazione dedicata ai giovani arbitri e ufficiali di campo. Sfide sul regolamento, le nuove interpretazioni coniugate a un pizzico di fantasia che hanno permesso ai nostri ragazzi e ragazze di arrivare a guadagnarsi un meritato posto in finale contro le Marche. La finalissima, in onda alle 18 sul canale YouTube Italbasket,vedrà protagonisti per il Veneto Elia Marini, Edoardo Pietro Zampieri, Alice Fornasier, Daniel Chavarro Rubia e Tommaso Cisotto. Ma tanti e tante sono stati i protagonisti: Belluno: Anna Brentel Rovigo: Giacomo Altafin Vicenza: Riccardo Bortoli, Tommaso Cisotto, Alice Fois, Alice Fornasier, Phoebe Franzan, Gaia Massagrande, Luca Padovan Verona: Marta Benetti, Elia Marini, Nicolò Marogna, Andrea Misiano, Leonardo Pinna, Cristian Mazzi Padova: Filippo Cassoli, Mattia Nazzari, Matteo Pasini, Andrea Uniti Treviso: Thomas Baccin, Alessandro Bettiol, Daniel Chavarro Rubiano, Davide Cenedese, Beatrice Chiari, Stefano Cuka, Andrea Grava, Jacopo Torresan, Leonardo Valent, Noemi Zussa Venezia: Andrea Aly Belfadel, Jordi Legovich, Marco Mihalich, Marcello Pennino, Simone Rigon, Edoardo Zampieri Grazie anche ai referenti territoriali CIA e a quanti hanno reso possibile questa bella manifestazione. E ora sotto ragazzi! Il Veneto tifa per voi!
07/05/2020 - News

REFEREE JR CUP, GIOVANI ARBITRI PROTAGONISTI NELL'APPRENDIMENTO. DA SABATO GLI OTTAVI DI FINALE

"Il successo maggiore? Beh, sicuramente come hanno interagito e partecipato i nostri giovani arbitri. Una partecipazione notevole se guardi ai numeri, ma assolutamente di spessore per creatività, impegno, partecipazione e valori espressi. Angelica, giovane arbitro di Ragusa, ad esempio, ha fatto squadra con i coetanei di Palermo, grazie al web. E' stata felice perché non ha avvertito, nonostante i chilometri, la distanza: si sentivano vicini, tutti insieme, e hanno giocato insieme. E poi i giovani arbitri abruzzesi che inaspettatamente hanno inventato di sana pianta e mandato in onda una conferenza stampa imitando il primo ministro Giuseppe Conte, dicendo anche cose sensate. I ragazzi e le ragazze ci hanno gratificato per il lavoro fatto e hanno premiato nei comportamenti la nostra idea: hanno capito che devono essere protagonisti del proprio apprendimento e che siamo distanti sì, ma anche uniti, esattamente come diceva il claim del Ministero dello Sport". Arbitri, una squadra Gli arbitri sono una squadra. Suona sempre un po' strano quando viene detto, ma è così. E, aggiungiamo convinti, non aspettano che l'occasione per dimostrarlo. Maurizio Biggi, responsabile tecnico del settore giovanile del CIA, è emozionato quando racconta i meravigliosi effetti collaterali, non immaginati forse, ma entusiasticamente benvenuti della Referee Jr Cup, il torneo per rappresentative regionali che vede coinvolti gli arbitri regionali di età compresa fra i 14 e i 18 anni. Format educativo La Referee Jr Cup non è altro che una gara sulle conoscenze arbitrali dei giovani arbitri italiani. Il periodo storico particolare che stiamo attraversando, l'agonismo, la voglia di confrontarsi dei ragazzi, i collegamenti online e la creatività hanno decretato la fortuna di questo format educativo e formativo che vede collegati (ogni gara circa un centinaio di persone) non solo gli arbitri, ma anche le commissioni regionali CIA e i presidenti dei Comitati Regionali FIP. Formazione continua "La formazione degli arbitri al tempo del Coronavirus non si è fermata. Anzi. Si è ingegnata, se mi passate il termine, e si evoluta per certi versi, ha adeguato gli insegnamenti al mezzo e procede: formare online è decisamente diverso dal farlo in aula -spiega Dino Ena Seghetti, direttore tecnico del Comitato Italiano Arbitri- L'abbiamo imparato in questi mesi, anche grazie al feedback dei ragazzi e devo dire che dopo due mesi anche via web i corsisti sono protagonisti della loro formazione e noi non possiamo che esserne contenti". "La Referee Jr Cup è una geniale iniziativa per come è stata concepita e per come è gestita. Rientra in un discorso più ampio di formazione che come CIA stiamo portando avanti. Intanto avevamo un obiettivo che è stato raggiunto: gli arbitri non dovevano sentirsi soli in un periodo già di per sé tragico e particolare. Devo dire, con piacere, che abbiamo ricevuto più di una proposta per continuare la formazione, o anche solo il dialogo, via web fra tutti noi e a livello regionale la creatività ha raggiunto livelli molto interessanti. Oltre la Referee Jr Cup "In questo momento -continua Seghetti- mi piace ricordare che, oltre alla Referee Jr Club, una volta a settimana mi confronto con gli arbitri nazionali su diversi temi e verifico il loro lavoro. Inoltre nei quattro lunedì di maggio è previsto il Corso per Formatori Nazionali riservato ai formatori di arbitri, settore giovanile e ufficiali di campo. Quattro incontri di un'ora e mezzo ciascuno dove insieme a me ci saranno Marco Pieratozzi, Gaetano Amato e Luca Pescarolo come relatori. "La Referee Jr Cup -conclude Seghetti- è la dimostrazione che i ragazzi e le ragazze, che poi sono il motore del nostro settore arbitrale, messi a loro agio sono protagonisti della propria formazione. Maurizio Biggi, insieme ai suoi collaboratori, è stato molto bravo a coinvolgere i nostri giovani in una modalità ludica, smart ed agevole e far emergere il meglio che si può in questo particolare momento storico". Opportunità dalla crisi "Con soddisfazione posso dire che la crisi è stata vissuta come un'opportunità -afferma il presidente CIA Stefano Tedeschi- Istuttori, arbitri e ufficiali di campo, con tempi e modalità diverse rispetto ad un corso tradizionale, e in un periodo storico sicuramente tragico e particolare, hanno comunque utilizzato il lockdown per formarsi, per studiare, per approfondire, per farsi trovare pronti quando riprenderanno tutte le attività. Mi piace sottolineare il senso di responsabilità e di appartenenza espresso da tutti. Il che mi fa ben sperare per il futuro del nostro movimento. Mi complimento e li ringrazio tutti per quanto fatto: istruttori, arbitri e in particolare le commissioni CIA Regionali che fanno un lavoro sempre importante e proficuo. Il Torneo Ogni gara dura 30 muniti ("circa"), si gioca su Zoom, la piattaforma all-in-one (omnicomprensiva, tradurremmo) per webinar e videoconferenze per smartphone, PC e sale conferenze. Insomma ogni dispositivo è valido per seguirla. Sono oltre 500mila al mondo gli utenti di Zoom insieme ai giovani arbitri italiani, i loro istruttori, i responsabili CIA regionali e i presidenti dei Comitati Regionali FIP che seguono le squadre. Alla Referee Jr Cup partecipano giovani arbitri di età compresa fra i 14 e i 18 anni. Le squadre sono composte su base regionale e competono online. Al Turno di Qualificazione (5 gironi di 4 squadre ciascuno) seguono le eliminazioni dirette dagli Ottavi in poi. Per ogni gara le squadre ricevono due giorni prima dell'incontro un argomento su cui prepararsi (alcuni esempi tra i tanti: il fallo antisportivo, le regole di tempo, le violazioni di passi e così via) e saranno giudicati da un tre istruttori di una regione neutrale, non impegnata nella gara stessa. Ogni squadra avrà otto minuti per esporre gli argomenti e gli istruttori hanno possibilità di fare domande. Dopo ogni esposizione la squadra riceve un punteggio da parte dei tre istruttori. Il punteggio determina chi vince la gara. Cayman, Barbados, Bahamas, Mauritius e Seychelles i nomi dei gironi di qualificazione. Nomi sicuramente non classici. Le gare sono raccontate con una prosa divertente e leggera nei comunicati finali che riportiamo nel sito CIA. Ottavi di Finale Finita la fase di qualificazione, il Torneo è giunto agli Ottavi che si giocheranno sabato 9 maggio. "L'obiettivo era ed è tenere uniti i ragazzi. Abbiamo messo in pratica il distanti, ma uniti, anche se siamo andati oltre. Abbiamo capito, però, che per quanto i ragazzi e le ragazze ci seguissero nei nostri classici webinar di formazione a distanza e per quanto interagissero alle nostre sollecitazioni, mancava qualcosa. Abbiamo chiesto di leggere, documentarsi, approfondire, anche al di là del basket, ma questo già gli viene chiesto dai loro insegnanti ed allora abbiamo sentito che era ora di differenziarsi. La Referee Junior Cup ce l'ha permesso. Sono protagonisti e imparano."
05/02/2020 - News

FIOCCO AZZURRO PER L'ARBITRO BORGO

Lieto evento in casa Borgo, per il nostro Arbitrissimo di Serie A è arrivata una designazione MERAVIGLIOSA… Papà a Vita 🙂 Complimenti a Mamma Elisa che ha disputato il match più importante e da esperta playmaker ha fatto vincere la sua Squadra (Famiglia) la partita della vita! Benvenuto Diego! Ti immaginiamo in culla tra due palloni di basket. Felice vita a tutti Voi, un abbraccio da tutto il Comitato Regionale Veneto e dal GAP! Evviva la vita!  
14/12/2019 - News

DOCUMENTI DI RICONOSCIMENTO CAMPIONATI GIOVANILI REGIONALI

Si comunica che il Consiglio federale, riunitosi a Roma il 6 dicembre u.s. ha deliberato: di autorizzare, esclusivamente per i Campionati Regionali (gold, silver, élite e regionali) maschili e per i Campionati Under 13 e Under 14 femminili, ai fini del riconoscimento degli iscritti a referto, anche la presentazione della copia del documento di identità vidimata con timbro della Società e firmata dal Legale Rappresentante della stessa
03/12/2019 - News

RADUNO SERIE C E SERIE D

Appuntamento con il raduno di metà campionato per le categorie arbitrali di Serie D e Serie C. Il raduno si terrà Domenica 5 Gennaio a Mestre (VE). L’inizio è previsto presso la Palestra Davide Ancillotto di Via Olimpia 14 a Mestre (VE) con l’effettuazione dei test atletici. Comincerà la Serie D alle ore 9.00 a seguire la Serie C (indicativamente per le 10.00). Vi faremo avere il programma delle batterie dei test con anticipo, le stiamo organizzando per regione/provincia così da agevolarvi per l’orario di arrivo. Nel corso del raduno saranno effettuati anche i quiz tecnici valutativi come da criteri di impiego.
02/10/2019 - News

PAOLO BENEDETTI È IL NUOVO PRESIDENTE DEL CIA VENETO

Nominata la nuova commissione degli arbitri regionali con Luca Bonfante e Andrea Coppo. È Paolo Benedetti, trevigiano, il nuovo presidente del CIA del Comitato Regionale Fip Veneto. Il presidente regionale Roberto Nardi assieme con il Consiglio ha nominato l’ex responsabile degli arbitri di Treviso alla guida dei fischietti del Veneto.   Assieme a lui è stata ufficializzata anche la nuova commissione che sarà composta da Luca Bonfante e Andrea Coppo.   Benedetti prende il posto di Stefano Cazzaro, che ha guidato la Commissione regionale CIA negli ultimi due anni con grandi risultati e importanti progetti di formazione e reclutamento su tutto il territorio regionale. «Voglio prima di tutto ringraziare Stefano Cazzaro per il lavoro svolto con dedizione e grande passione in questi anni – ha detto il presidente di Fip Veneto, Roberto Nardi -  e al tempo stesso augurare buon lavoro a Paolo Benedetti e alla nuova commissione arbitrale. Il Veneto è una delle regioni che conta un buon numero di arbitri, ma non ancora sufficiente per il gran numero di gare ed eventi che quotidianamente ospita la nostra regione. E non parlo solo di arbitri, ma anche di Ufficiali di Campo, che rappresentano la grande squadra di Fip Veneto».   Ecco le prime dichiarazioni del nuovo presidente degli Arbitri veneti: «É per me motivo di grande gioia e altrettanto onore essere il Presidente di una delle regioni più importanti d’Italia per il mondo arbitrale  - dice Benedetti - Un incarico che ho ricevuto dopo un trascorso come arbitro nei campionati regionali e nazionali e dopo vent’anni di attività nelle Commissioni CIA provinciali e regionali. Un ruolo importante che vorrei vivere ogni giorno con lo stesso entusiasmo di oggi e che spero possa essere portatore di un positivo rinnovamento e miglioramento. Al mio fianco, in questo viaggio che da oggi ha il suo inizio ufficiale, ho due validi elementi, Luca Bonfante e Andrea Coppo, persone di cui nutro stima e grande considerazione e sette fondamentali delegati provinciali che sono la nostra estensione fisica e umana sul territorio, Matteo, Michele, Andrea, Michele, Filippo, Luca e Giacomo. Ma il Veneto è molto di più di una Commissione, il Veneto è la fucina di tanti validi arbitri dei Campionati Nazionali, fra cui spiccano i nostri due arbitri di Serie A, ma è anche una regione con Osservatori di indubbia qualità e Ufficiali di Campo di grande professionalità e valore. Ad oggi siamo in 700 persone che amano la pallacanestro e la vivono con un fischietto al collo. La cosa che più affascina e mi entusiasma del nostro ambiente e il legame che c’è fra ognuno di noi: fatto di passione, dedizione e altruismo. Proprio questi sono i valori su cui si basa il Progetto del CIA che rappresento, la voglia di creare un ambiente sempre più positivo, dove la vostra passione possa trovare forza, consolidarsi e rafforzarsi, dove la vostra figura e la vostra crescita sia al centro delle nostre scelte che sempre di più possano aiutarvi ad amare il vostro ruolo».  
17/09/2019 - News

LA STAGIONE ARBITRALE DI SERIE D PARTITA A JESOLO

Sabato e Domenica a Jesolo si è svolto il raduno degli arbitri di Serie D per la stagione 2019/2020. Il CIA Veneto, in accordo con il Settore Tecnico, ha deciso di investire sui ragazzi più giovani dedicando loro due giorni di formazione e crescita. Il Gruppo di Serie D conta, in questa stagione, ben 51 elementi di cui 16 nuovi elementi selezionati, al termine di un percorso in provincia e in regione, fra i migliori arbitri di ogni provincia veneta. La necessità di impartire le direttive per un corretto approccio al primo campionato senior regionale, insieme alle necessità di omogeneizzare il livello e di conoscere il gruppo ha, per la prima volta in regione, fatto fare un raduno di più di un giorno al gruppo regionale più giovane. Sotto le direttive impartite dal Settore Tecnico con Vincenzo Sardella, Andrea Ferrarese e Andrea Zangrando si è lavorato molto con serietà, professionalità ma anche divertimento. Il raduno ha visto la presenza anche degli Osservatori di categoria che hanno preso parte a tutte le attività tecniche lavorando e crescendo insieme ai ragazzi. Dopo il discorso introduttivo del Presidente del CIA Veneto nel quale sono stai messi in risalto i punti di aggregazione e coesione che hanno creato il nuovo staff, gli obiettivi di crescita e miglioramento che saranno la strada maestra della Serie D 2019/2020 e la risposta al Progetto 2020 che guida il nuovo CIA, sono intervenuti gli organi federali, Ufficio Gare e Giudice sportivo per dare le indicazioni ai ragazzi. A seguire la presentazione del nuovo designatore di categoria Bruno Munerin, che dopo anni di C Gold ha accettato la sfida prendendo a cuore il progetto di crescita per la Serie D, ha dato le prime disposizioni per creare un clima collaborativo, positivo e professionale con i ragazzi. Quindi, dopo il saluto del Presidente FIP Nardi e del Consigliere Urbani, è stata la volta del valutatore Alberto Bernhart e del nuovo staff tecnico con la presentazione degli obiettivi formativi e le modalità di lavoro. Ma il pomeriggio è ancora lungo e per gli arbitri sono in arrivo 4 sorprese chiamate: Christian Borgo, Giacomo Dori, Gabriele Gagno e Alberto Perocco. Sono 4 dei nostri arbitri di Serie A e Lega 2 che sono venuti a raccontare un po’ delle loro esperienze e della loro vita arbitrale ai ragazzi. Il loro racconto è incentrato sul lavoro e la fatica che si deve fare per crescere e migliorare ma anche e soprattutto sulla soddisfazione e l’orgoglio di essersi guadagnati il loro posto nelle massime serie. Due giorni impegnativi che siamo certi abbiano dato tanto ai ragazzi e che hanno ripagato tutto lo Staff Tecnico e il CIA del lavoro di organizzazione e pianificazione fatto nei mesi.