Comitato
NBA JUNIOR LEAGUE: UN OCCHIO SULLA DIVISION TIGULLIO
LAVAGNA B 76ERS

Ci sono squadre, nella tappa ligure della NBA Junior League, che fanno registrare la presenza di fratelli con la stessa canotta. Ma quante squadre possono vantare due coppie di gemelli? È sicuramente il caso dei Lavagna B 76ers.

Andrea e Matteo sono la prima coppia che si racconta. Sono entrambi calciatori e giocano in due squadre diverse. Non si riesce a farli andare d'accordo: alla domanda su chi sia più bravo nello sport e più simpatico ognuno dei due risponde con un orgoglioso «ovviamente io». Non vanno d'accordo sulle risposte neanche Davide e Andrea, ognuno dei quali afferma di essere il più bravo negli sport. Su una cosa però concordano tutti e quattro: Matteo e Andrea sono sicuramente i più "rompi scatole". E giù risate tra i compagni di squadra.

VALLI E CARASCO PISTONS

Molto composito il roster dei Valli e Carasco Pistons, istituto comprensivo che sta prendendo parte alla NBA Junior League. Quattro classi di provenienza diverse, quattro calciatori e quattro cestisti. Tutti di Carasco a parte Silvia, reclutata da Borzonasca.

Mattia è il più alto ma il più piccolo anagraficamente, mentre a dire di tutti il più bravo a scuola è Giovanni, definito «la mente» dallo stesso Mattia. Matteo è appassionato di NBA ed è ammaliato dalla canotta dei Pistons, affrontati nella Division Tigullio. 

Gulia ha iniziato a giocare a pallacanestro a tre anni, giocandoci per dieci. Poi una breve pausa e la decisione di riprendere. Nella sua squadra è l'unica ragazza ed è allenata da suo papà. 

LAVAGNA A JAZZ

Una frase su tutte campeggia tra i Lavagna A Jazz: «Siamo i più belli e i più spessi». Grande entusiasmo nel roster, composto da cestisti, pallavolisti, calciatori e pallanuotisti, tutti provenienti dalla stessa scuola.

Timoteo è il capitano della squadra e ci tiene subito a ringraziare la scuola: «Una bella iniziativa sul basket, grazie ai prof che ci accompagnano». Mario conosce Stefano dall'asilo, così come Elena e Christel. Sono una squadra orgogliosamente multiculturale, aspetto positivo perché «possiamo interagire ancora meglio», come afferma Timoteo.

Quale l'aspetto più positivo della NBA Junior League? Sintetizza tutto Mario: «La cosa bella è anche che facciamo amicizia tra scuole diverse».

SANTA MARGHERITA A MAGIC

Molto variegato anche il roster dei Santa Margherita A Magic, i cui ragazzi provengono da ben cinque classi diverse. Sono cinque i ragazzi che giocano a pallacanestro nel tempo libero, tutti nel Tigullio. Gli altri ragazzini praticano calcio mentre Isotta, unica presenza femminile, è iscritta a danza. «È divertente», afferma Isotta sui suoi compagni di squadra, «sono simpatici».

Sono tutti di Santa Margherita Ligure, tutti amici e tutti innamorati della loro canotta. Francesco proviene da una famiglia appassionata di pallacanestro e suo fratello gioca in Serie B. Agim ha invece un fratellino che pratica pallacanestro. «Siamo una scuola di sportivi», afferma sempre Francesco.

Nicola e Daniele sono fratelli, entrambi calciatori, rispettivamente ala e centrocampista. Alla domanda su chi sia più bravo entrambi sono d'accordo: Nicola è più dotato. Ma non è l'unico terreno su cui si confrontano. Per quanto riguarda i giochi online, infatti, Daniele domina a Brawl Stars, mentre Nicola vince a FIFA. 

Sebastiano, invece, ha un gemello di nome Giacomo nei Santa Margherita B Cavaliers. Sebastiano dice di essere più forte e più simpatico, ma quando si parla di PlayStation i suoi compagni di squadra indicano il fratello...

SANTA MARGHERITA B CAVALIERS

Ben cinque cestisti e due ex cestisti nei Santa Margherita B Cavaliers. «Ringraziamo il nostro prof di ginnastia per averci proposto questo torneo», recitano in coro i ragazzini. 

In squadra vige la goliardia. Tutti scherzano infatti sui loro voti in relazione ai numeri di maglia: «L'ultimo voto che ho preso è 4 come la mia maglietta». Ma poi tornano subito seri: «Scherziamo, lo sappiamo che la scuola è importante per il nostro futuro».

La loro scuola ha partecipato al progetto Erasmus, che ha permesso a Leonardo e Luca di soggiornare in Bulgaria. Durante quell'esperienza hanno giocato e insegnato pallacanestro ai loro amici bulgari. «Siamo contenti di essere qui in questo torneo», affermano entrambi.

Fanno tutti parte della stessa scuola ma sono quasi tutti in classi diverse. Giacomo è in classe con Leonardo, dei Santa Margherita A Magic, così come è anche gemello di Sebastiano, sempre dei Magic. Dice di essere più forte e più simpatico, «anche se dovrebbero essere gli altri a dirlo», chiude il "Cavaliere".