home fip
basket community
Sponsor Maglia Azzurra
Sponsor Maglia Azzurra
Sponsor Tecnico
Sponsor Tecnico
Top sponsor
Top sponsor
Sponsor
Sponsor
Giovanilecomitato regionale

UNDER 15 FEMMINILE - QUARTU S.ELENA

Indietro
4 Luglio 2010
Finale U15 femminile: Geas Basket Campione d’Italia 2010
Quartu Sant’Elena – Il Geas Basket è Campione d’Italia Under 15 femminile 2010. Il verdetto è arrivato dal campo, dove le ragazze di Cinzia Zanotti si sono imposte 68-52 sulle temibili rivali della Reyer Venezia. Al terzo posto il Basket Biassono.

Così le finali:

Finale 1°-2° posto

Reyer Venezia – Geas Basket 52-68

La Geas Basket si veste di tricolore con lo scudetto Under 15 conquistato a Quartu Sant’Elena. Un trionfo meritato per le ragazze di coach Cinzia Zanotti, bandiera della società lombarda, che è stata capace di infondere convinzione, calma e solidità al gruppo che oggi, fra gli applausi del numeroso pubblico del Palazzetto dello Sport di via Beethoven, sale sul gradino più alto del podio. Un trionfo ottenuto dopo una settimana di vittorie d'autorità e al termine di una finale tesa e palpitante con la Reyer Venezia, domata 68-52. La Geas ha vinto da grande squadra, nella quale le tante ottime individualità si fondono alla perfezione in un gioco corale che oggi ha sottolineato la sua forza contro un'avversaria altrettanto attrezzata come quella veneta. Fra i due roster più competitivi fra i sedici giunti in Sardegna è stata partita vera – e non poteva essere altrimenti – giocata punto a punto fino agli ultimi 10'. Trascinate dalla leonessa Martina Kaceric (MVP del match con 16 punti, 9 rimbalzi totali, 5 assist e un'infinità di palle recuperate) e dalla miglior marcatrice della manifestazione Cecilia Zandalasini (110 punti) nel quarto periodo le geassine hanno infine tracciato il solco decisivo, con un parziale di 20-8. La Reyer ci ha provato in tutti i modi a portare a casa il tricolore, e più volte è riuscita a rimontare gli affondi delle lombarde. Ma ogniqualvolta che le ragazze di coach Liberalotto - fra cui spiccano Sofia Marangoni (inserita nel miglior quintetto) e Giulia Vanin (13 punti e 16 rimbalzi) - hanno riacciuffato le avversarie, queste hanno subito risposto con altrettanti piccoli break, fino alla massima forbice di +16 toccata sull'ultima sirena di queste Finali Under 15.

Sul parquet del palazzetto di Quartu Sant'Elena le due squadre cominciano subito a spron battuto. Continui contropiedi portano le azzurre Martina Kaceric e Cecilia Zandalasini a firmare i primi canestri per la Geas, che a 2' dal termine del primo periodo trova il primo allungo (16-10). La Reyer marca stretto, mentre in avanti si affida alla nazionale Sofia Marangoni, che tiene a galla la Reyer in un inizio difficile. Nel secondo periodo le lombarde provano ad allungare ulteriormente, ma le veneziane trovano il pareggio prima con Camilla Pivetta (25-25) e poi con Elisa Pilli (29-29), la panchinara di lusso che si esalta nei secondi dieci minuti di gioco (era successo anche ieri contro Biassono). A 2'dall'intervallo lungo però, le ragazze di coach Zanotti rimettono il naso davanti (35-29), grazie ad un pressing a tutto campo che le regala parecchi extra possessi. La difesa forte delle geassine continua imperterrita il suo lavoro anche nel terzo periodo, nel quale la Keceric - intercettando l'ennesimo pallone della sua partita di sacrificio - si invola per il vantaggio di +9 (43-34). Ma la Reyer non ci sta e a 3' dalla sirena recupera fino al -1 (triple della Pivetta e della Cattapan), chiudendo per la prima volta un quarto in attivo (15-13 per il 44-48). A 10' dallo scudetto le venete si buttano subito all'assalto del canestro, ed è sempre una bomba (questa volta della Marangoni) a rimettere sul -1 le ragazze di coach Liberalotto. Ma ancora una volta la Geas risponde da grande, non innervosendosi e anzi trovando nel punteggio pericoloso la forza per riallungare di nuovo. Nelle fasi conclusive la Zandalisini non solo firma il nuovo massimo di +16 (insieme ai canestri di Penna e Kaceric), ma con il suo ultimo canestro della finale beffa anche la Marangoni (che chiude a 108 canestri) nella classifica marcatori. La Reyer non ce la fa più, e sugli spalti comincia la festa, a cui si uniscono le lombarde al suono della sirena, che vuol dire scudetto per la Geas di Sesto S. Giovanni.

Ecco le parole di Coach Zanotti: “E' un'emozione grande. Da giocatrice ne avevo provate tante, ma come questa mai. Le ragazze sono state fantastiche. Un gruppo che ogni allenatore vorrebbe avere. Hanno giocato una finale difficilissima con maturità e calma, e sono orgogliosa di questo. Dedico questa vittoria alla mia assistente allenatrice, che nonostante un brutto periodo passato quest'inverno, non ci ha mai abbandonato”.
Coach Liberalotto: “Complimenti alla Geas che ha giocato una bella partita. Noi abbiamo sempre rimontato gli svantaggi, ma ci è mancato quel qualcosa in più per andare avanti anche di pochi punti. Sono molto contento di quello che abbiamo fatto. Abbiamo lavorato per arrivare a questa partita. Le finali sono sempre difficili, e oggi abbiamo avuto tanta frenesia. Vuol dire che dagli errori commessi ripartiremo per la prossima stagione”.

Reyer Venezia: Marangoni 18, Vanin 13, Zambon 2, Maronato, Armari 5, Pivetta 5, Cattapan 3, Dona' ne, Faoro ne, Tamai ne, Pilli 6, Vitari. coach: Andrea Liberalotto
Arbitri: Manuel Santarsiero, Mirko Picchi
Geas Basket: De Mari, Minguzzi 5, Ruisi, Kacerik 16, Colli 1, Picco, Gambarini ne, Barberis 4, Da Ros, Beretta 2, Zandalasini 25, Penna 15. Cinzia Zanotti

Abritri: Marco Catani, Mattia Volgarino

MVP
Martina Kaceric

Miglior quintetto
Giulia Porro (Basket Biassono)
Elisa Penna (Geas Basket)
Antonia Peresson (Sistema Rosa PN)
Sofia Marangoni (Reyer Venezia)
Cecilia Zandalasini (Geas Basket)

Finale 3°-4° posto

Basket Biassono – Sistema Rosa Pn 46-40

Con la vittoria nella finalina contro la Sistema Rosa Pordenone, Biassono centra lo storico traguardo di aver portato le sue tre rappresentative sul gradino più basso del podio in tutte le Finali Nazionali. Dopo il terzo posto dell' Under 17 a Bolsena e dell'Under 19 a Latina, le lombarde si ergono dunque a terza forza anche nella manifestazione sarda. Un traguardo fortemente voluto, e trovato quest'oggi contro le friulane, già sconfitte nella prima giornata del Girone D. Sul parquet del Palazzetto di Via Beethoven le giocatrici, come ricordato da entrambi i coach a fine gara, hanno onorato la pallacanestro dopo una settimana molto dura sotto il profilo psicologico e fisico, soprattutto per due formazioni che non possono godere di una rotazione molto ampia. Dopo un inizio punto a punto, Biassono guadagna il primo break (13-5) con Giulia Porro (13, inserita nel miglior quintetto della kermesse) e Francesca Ottolina (15). Pordenone accusa il colpo e a cavallo fra la fine del primo periodo e la prima metà del secondo non segna più un canestro. In questa settimana entrambe si sono affidate ai tiri dalla lunga distanza, e Michela Girardi innesca la mano infilando dalla stessa mattonella 4 bombe su 4, che regalano il controsorpasso a Pordenone anche se all'intervallo lungo è comunque Biassono ad avere il naso davanti (19-18). Nella seconda parte di gara ad un primo break delle ragazze di coach Pascolo (25-19) le lombarde rispondono con - guarda caso - con le bombe di Ottolina, Francesca Frigerio e Giulia Fumagalli, che al suono della penultima sirena porta le sue sul +4 (36-32). Nell'ultimo periodo i due team, ormai esausti, abbassano molto le loro percentuali realizzative, e il minibreak di Biassono riesce a reggere fino all'ultima sirena.

Queste le parole di coach Piccinelli“Abbiamo compiuto un'impresa nell'impresa. Tre terzi posti in altrettante Finali rappresentano un traguardo eccezionale per il Basket Biassono, cui dedico la vittoria di oggi. Nella società c'è un ambiente fantastico, che si merita risultati del genere. E ringrazio le ragazze, che sono state delle giaguare. Sono onorato di aver preso parte a queste Finali, dove si sono viste tante squadre, come le nostre avversarie di oggi e quelle incontrate precedentemente, che onorano con la loro passione e il loro talento il gioco della pallacanestro”.

Le impressioni di coach Pascolo: “Sono comunque molto soddisfatto di quello che hanno fatto le ragazze in questa settimana. Non eravamo attrezzate per arrivare fino in fondo, eppure siamo fra le prime quattro squadre d'Italia. Ieri avevamo lottato tanto, ed oggi eravamo stanchissime”.

Basket Biassono: Dugnani ne, Cobbe, Porro 13, Fumagalli 3, Ottolina 15, Frigerio 11, Sallustio, Mariani ne, Boselli, Bertinotti ne, Giorgi 2, Tettamanzi 2. Coach: Andrea Piccinelli
Sistema Rosa Pallacanestro: Bevilacqua 2, Marpino, De Marchi 3, Girardi 17, Mancini ne, Bozza, Peresson 5, Moretto 3, Serena 6, Bianchini 4, Antoniolli ne, Ria. Coach: Paolo Pascolo

Arbitri: Roberto Pinna, Angela Rita Castiglione

Ufficio Stampa Fip
Condividi ...
U18 M Ecc. '20
2/7 Giugno
Milano
U16 M Ecc. '20
15/21 Giugno
Udine
U15 M Ecc. '20
27/5 - 2/6
Cecina
U14 M '20
22/28 giugno
Pordenone
U18 F '20
2/7 Giugno
Milano
U16 F '20
13-20 Giugno
Rovigo
U14 F '20
21-27 Giugno
Roseto degli Abruzzi
calendario eventi
© 2015 Federazione Italiana Pallacanestro - Giovanile - Privacy Policy    Cookie Policy
credits sendoc.it
Gazzetta
Uliveto
Sixtus
basketlike.it
www.bricofer.it
www.spaldingbros.com

Media Partner

Fornitori Ufficiali

Fisiowarm
Vettore Medical
YouteCar

Official Medical Partner